CHAMBERS Oswald

La mia allegrezza - Oswald Chambers

Affinché la mia allegrezza dimori in voi, e la vostra allegrezza sia resa completa (Giovanni 15:11) - Qual era l'allegrezza di Gesù? Parlare di felicità, in rapporto a Gesù Cristo, è un insulto. La Sua allegrezza consisteva nel sottomettersi completamente al Padre, nel sacrificare tutto Se stesso, nel fare quello per cui era stato mandato. "Io prendo piacere nel fare la Tua volontà". Gesù chiese che pure la nostra allegrezza potesse farsi piena e completa fino a diventare come la Sua. Ho permesso a Gesù Cristo di farmi conoscere la Sua allegrezza?

facebook icona twitter iconawhatapps icona

Giorno per giorno

Abbi fiducia in Dio e fai la prossima cosa che devi fare - Oswal Chambers

facebook icona twitter iconawhatapps icona

Esperienza o rivelazione - Oswald Chambers

Ora noi non abbiamo ricevuto lo spirito del mondo, ma lo Spirito che viene da Dio, per conoscere le cose che Dio ci ha donate - 1 Corinzi 2:12 - La realtà è la redenzione, e non la mia esperienza della redenzione; ma la redenzione non ha nessun significato per me se non parla il linguaggio della mia vita reale. Quando sono nato di nuovo, lo Spirito di Dio mi fa uscire da me stesso e dalle mie esperienze, ciò significa che esse non provengono dalla redenzione.

facebook icona twitter iconawhatapps icona

La disciplina dell'attenzione

«Quello ch'Io vi dico nelle tenebre, ditelo voi nella luce; e che quel che udite dettovi all'orecchio, predicatelo sui tetti» (Matteo 10:27)

A volte Dio ci fa passare per la disciplina dell'oscurità per insegnarci a dedicarGli la nostra attenzione.
Si insegna a cantare agli uccelli tenendoli al buio; Dio ci mette all'ombra della Sua mano per educarci ad udirLo.

"Quello che Io vi  dico nelle tenebre...".

Osserva dove ti mette Dio, quando ti pone nelle tenebre, e una volta là, taci. Stai forse vivendo adesso un momento in cui ti trovi al buio per ciò che riguarda le circostanze della tua vita, o i tuoi rapporti con Dio?

facebook icona twitter iconawhatapps icona

Teologia vivente

"La persona con cui è più difficile avere a che fare è colei che, presuntuosamente soddisfatta di una passata esperienza spirituale, continua a riferirvisi, ma senza attuarla nella vita pratica. Se dici di essere santificato, mostralo. L'esperienza deve essere così autentica che la vita deve rivelarla. La teologia deve elaborarsi nelle relazioni umane e nel modo più pratico possibile. <<Se la vostra giustizia non supera quella degli scribi e dei Farisei...>>, disse il Signore, e cioè: dovete essere più morali della persona più morale che conoscete.

facebook icona twitter iconawhatapps icona

Qual è il beneficio della preghiera?

"La preghiera non è parte integrante della vita dell'uomo naturale. Ci vien detto che l'uomo che non prega soffrirà nella vita; io lo contesto. Ciò che ne soffre è piuttosto la vita di Cristo in lui, vita che riceve il nutrimento non dal cibo, ma dalla preghiera. Quando uno è nato da Alto, nasce in lui la vita del Figlio di Dio; si può far morire d'inedia questa vita, oppure si può nutrirla, e il nutrimento è la preghiera.

facebook icona twitter iconawhatapps icona

Nel nome di Gesù: cosa significa?

«In quel giorno chiederete nel Mio nome...poiché il Padre stesso vi ama» (Giovanni 16:26-27)

"In quel giorno chiederete nel Mio Nome", chiederemo cioè secondo la Sua natura.

"Nel Mio nome" non significa:"usando il mio nome come una parola magica", ma:"la vostra intimità con Me sarà tale che sarete uno con Me".

"Quel giorno" non è un giorno di là da venire, ma è del tempo presente, qui ed ora.

facebook icona twitter iconawhatapps icona

Devo ascoltare?

"E disse a Mosè: Parla tu con noi e noi ti ascolteremo; ma non ci parli Iddio, che non abbiamo a morire". (Esodo 20:19)

La nostra disubbidienza a Dio non è propriamente voluta; deriva semplicemente da una mancanza di attenzione a ciò che Egli dice.
Dio ci ha dato i Suoi comandamenti; noi li abbiamo lì, davanti a noi.
Ma non ce ne curiamo, e ciò non per aver precisamente scelto di disubbidire, ma per un'assenza di amore e di rispetto nei suoi riguardi.
"Se voi Mi amate, osserverete i Miei comandamenti"

facebook icona twitter iconawhatapps icona

Disposizione d'animo e azione

Se la vostra giustizia non supera quella degli scribi e dei farisei, voi non entrerete punto nel regno dei cieli (Matteo 5:20)

facebook icona twitter iconawhatapps icona

Spiritualmente stanco. Cosa significa?

«L'iddio di eternità... non si stanca» (Isaia 40:28)

L'esaurimento è il segno che le forze vitali si sono logorate.
Quando si è esauriti spiritualmente ciò non avviene a causa del peccato , ma a causa del servizio; e l'essere o non essere esauriti dipende da dove si prendono le riserve di energia.
Gesù disse a Pietro: <>, ma non dette nulla per nutrirle.
 

facebook icona twitter iconawhatapps icona

Pagine

Abbonamento a CHAMBERS Oswald

Opera evangelica a favore dei non vedenti

Opere evangelica per sordi

La chiesa perseguitata

Pregare ed aiutare

Il vangelo tra gli stranieri