"Osanna al figlio di Davide" - "Crocifiggilo, Crocifiggilo"

Versione stampabileSend by emailVersione PDF

Domenica 28 marzo rientro dal culto e mi dirigo verso casa.
La strada che percorro, senza tanta fretta, è come al solito trafficata (Casilina zona Finocchio) il ricetrasmettitore acceso in macchina e la compagnia degli amici di frequenza 145.312,5.

Ad un tratto davanti alla chiesa della borgata vedo molta folla, più del solito, il traffico ancor più intenso ma la mia curiosità è indirizzata verso un particolare, quella piccola folla che camminava tra le automobili per ritornare a casa agitando in mano, per via del passo agitato (si trovano in una strada e il movimento è concitato) una ramoscello di ulivo. Alcuni hanno mazzi più grandi altri più piccoli.

"la domenica delle palme" dentro di me dicevo, ricordo bene alcune feste cattoliche per via del mio retaggio di cattolico.

Mi è venuto in mente il passo di Luca, dove la folla gettava palme e mantelli sul cammino di quell'asinello su cui era Gesù e gridavano: "Osanna al figlio di Davide" Matteo 21:8

Tutto bello eppure, eppure quella stessa folla gridò poco dopo: "Crocifiggilo !!" Marco 15.13.

Spesso lo tradiamo Gesù, quando non facciamo la sua volontà. Se lo amiamo allora è giusto dedicarci a compiere la sua volontà, a essere conforme alla Sua statura lasciandoci guidare dal Suo Spirito. Fare la sua volonta è prima di tutto riceverLo, non come un rituale, una religione, una tradizione, ma come IL SALVATORE.

All'ora mi guardo dentro, lo amo, ma spesso lo dimentico, mi ama ma spesso lo dimentico, GLORIA a DIO, lui rimane fedele. Posso rialzare gli occhi e sapere che è ancora la....

Ora si avvicina una festa cattolica, la pasqua, invito i miei parenti i miei amici, i miei colleghi, i miei nemici, a sfruttare quest'occasione per meditarla, per guardarsi dentro, per chiedere perdono, per aprire la porta del Cuore al Signore Gesù, l'unico nome che ci è dato per avere pace, per avere comunione con il Padre, per avere perdono, salvezza, vita eterna....

Grazie Padre  !!

facebook icona twitter iconawhatapps icona

Commenti

ciao fratelli e sorelle si sta avvicinando la pasqua è il ricordo del sacrificio che Gesù ha fatto x noi la sofferenza la morte la ressurezione.Io credo e amo ciò che ha fatto Gesù .IL mondo ha trasfomato questa festa in regali colombe ecc.Mio padre tanti anni fa credente mi raccontava da bambina la passione lui cattolico cantava la passione credendoci col cuore quando viene wuesto periodo io vivo con fede nel cuore quell amore palpabile del cristo e da capire da sentire non da ridicolizzare con tradizioni.Dio ha sacrificato suo figlio x la nostra salvezza x mezzo del suo sangue e la resuscitato dopo 3 giorni .È logico che bisogna ricordare sempre non solo in questo periodo cio che Cristo Gesù ci ha donato e continua a donare il suo sangue x la nostra salvezza.Alleluia e grazie Gesù x averci fatto conoscere la verita grazie anche x avermi dato un papà che ha sempre creduto in questo e avermelo insegnato ad amare Gesù.Grazie agli evangelici che hanno aperto il mio cuore e la mia mente a conoscere la verità grazie x averm fatto conoscere pasquina .Grazie a voi x questo sito che continate a seminare l amore di Gesù.

Ritratto di alex

1 aprile 2012..
Il tempo passa le tradizioni si ripetono...i cuori si rinnovano?
Ritratto di alex

Domenica delle Palme 2011....

E molti stendevano i loro mantelli sulla via; ed altri, delle fronde che avean tagliate nei campi. E coloro che andavano avanti e coloro che venivano dietro, gridavano: Osanna! Benedetto colui che viene nel nome del Signore!
Benedetto il regno che viene, il regno di Davide nostro padre! Osanna ne’ luoghi altissimi!
Poco dopo: "Crocifiggilo, Crocifiggilo!!"
 
Questo è il cuore dell'uomo, ma grazie siano rese a Dio che ha mostrato compassione e misericordia, si possiamo confidare ed avere fiducia nel nostro Dio!!! ALLELUIA

 

Ritratto di alex

E' passato un anno... stessa storia...

ciao, ho letto sorridendo il tuo messaggio..perchè capisco bene cosa vuoi dire..io faccio l'animatrice in una casa di riposo quindi..tutte le feste comandate che mi piaccia o no le devo festeggiare insieme ai nostri ospiti..ma che fatica..sopratutto adesso che sono cristiana..anche prima trovavo queste feste ridicole (del tipo a natale siamo tutti più buoni)..o che addirittura non se ne ricordava più il motivo..(tipo il carnevale..a che serve?) ma adesso proprio mi costa moltissimo dover far buon viso a cattivo gioco(penso si dica così..non ricordo)ad esempio oggi ho avuto la festa di pasqua..colomba, cioccolato, lotteria..secondo voi qualcuno si ricorda il significato di questa festa? a parte che per noi cristiani cristo è risorto una volta per tutte molto tempo fa e che è vivo..però se proprio si vuole seguire le loro credenze..diciamo che sono giusto dei riti, delle cerimonie sfarzose, dei piagnistei che non finiscono più..rappresentazioni della via crucis e intanto la gente si mangia pop corn, gelati, pizzette e via dicendo..insomma..che bello no che ne siamo usciti?

Risata

Ciao Monica, ho letto che fai l'animatrice in una casa di riposo... Noi da 8 anni portiamo il messaggio della Parola nelle case di riposo di Milano e provincia... se ti va puoi dare un'occhiata su www.messaggeridipace.net nella sezione Missione d'Amore. Dio ti benedica
Ritratto di alex

Ciao Monika. Comprendo quello che vuoi dire e credo che sia certamente un bene aver abbandonato cerimonie sfarzose e prive di spiritualità ed averle sostituite con un culto che, come ci viene chiesto, deve essere in "spirito e verità".

Tuttavia, in questi giorni di "festa" ritengo sia utile approfitarne per testimoniare "ritetenendo il bene" (per dirla alla Paolo). Il bene in questo caso può essere trovato nell'occasione che ci è data per parlare di Gesù, di quello che ha fatto per il mondo, dell'Amore del Padre che ha dato Suo figlio, ai nostri amici, conoscenti, parenti cattolici, impegnati più nell'organizzare la festa che carpirne le eventuali fondamenta.

Potrebbe essere un momento di testimonianza che, ho imparato con gli anni, può essere fruttuosa quando viene affrontato, il confronto con i cattolici, più che con lo scontro e la critica palese e sterile piuttosto con un modo diverso di vivere questi giorni, tesimoniandolo con accortezza e cooerenza.

Mi torna ancora in mente Paolo che si "fece" Romano con i Romani, Giudeo con i Giudei, etc per proclamare il vangelo...

Ti abbraccio, e che il nostro buon Padre ci benedica e ci utilizzi come strumenti utili nelle Sue mani amorose, vasi ad onore, per la Sua gloria... Amen.

Alex

Opera evangelica a favore dei non vedenti

Opera evangelica per sordi

La chiesa perseguitata

Pregare ed aiutare

Il vangelo tra gli stranieri