La scelta, in fondo è questa: dire di si oppure no a Dio

Versione stampabileSend by emailVersione PDF

Secondo la promessa, Dio ha suscitato a Israele un Salvatore nella persona di Gesù... Vi sia dunque noto... che per mezzo di Lui vi è annunziato il perdono dei peccati; e, per mezzo di Lui, chiunque crede è giustificato. (Atti 13:23,38-39)

DIRE SI O NO A DIO
Alla croce, Dio mostra l'intensità della sua ira contro il peccato dell'uomo, abbandonando Colui che se lo era caricato per espiarlo. Discerniamo, in quest'atto, l'enormità del male che ci caratterizzava e il costo infinito del perdono divino.

A causa del fatto che Cristo ha dato la sua vita per noi, Dio ci dà la vita eterna. E' un dono che tutti coloro che credono accettano con gratitudine. Ma l'essere umano ha la possibilità di dire sì o no a Dio.

Se rifiuta volontariamente la salvezza che Dio gli offre, è perduto senza più alcuna speranza: "In nessun altro è la salvezza", salvo che in Gesù (Atti 4:12).

Si è portati a credere che sia impossibile che gli uomini respingano una tale salvezza gratuita. Eppure, quanti sono numerosi quelli che se ne disinteressano. Gli uni schivano la questione con una leggerezza sconcertante, gli altri lo fanno magari con gentilezza, ma il rifiuto è sempre rifiuto.

Gesù solo può salvare ogni individuo dalle conseguenze spaventose ed irrevocabili dei suoi peccati. Gesù solo per mezzo del Suo sacrificio può riconciliare con Dio tutti coloro che credono in Lui.

Non riconoscersi colpevoli, rifiutare la salvezza che Dio offre, è, inesorabilmente, esporsi all'infelicità eterna ed assumersene tutta la responsabilità.

Amici lettori, oggi avete ancora la possibilità di scelta: dite sì a Dio.

paroledivita.org

facebook icona twitter iconawhatapps icona

Potrebbe interessarti..

  • Di seguto l'edificante studio/meditazione di Samuele Negri sul tema della salvezza.
    Fu esposta in 4 parti nell'agosto del 2003 al campo biblico per ragazzi svoltosi a Poggio Ubertini.
    Di seguito i 4 file mp3

  • "E, perché siete figli, Dio ha mandato lo Spirito del Figlio suo nei nostri cuori, che grida: «Abbà, Padre». Così tu non sei più servo, ma figlio; e se sei figlio, sei anche erede per grazia di Dio" (Lettera ai Gala ti 4:6-7).

  • E' possibile per me avere un rapporto vero, stabile e significativo con Dio?
    Leggi qui l'opuscolo

    .

  • Luca 23 - Continuando nell'analisi dei discorsi di Gesù con le persone che lo incontrano giungiamo ad uno dei diaologhi più particolari considerato il luogo e la circostanza.  Assaporariamo nuovamente la meravigliosità del nostro Signore Gesù:

  • Mi sento proprio a posto! Elemosine, pellegrinaggi, buone opere.
    Si, mi sono davvero guadagnato il cielo!
    Forse...

    Leggi qui in pdf

Opera evangelica a favore dei non vedenti

Opere evangelica per sordi

La chiesa perseguitata

Pregare ed aiutare

Il vangelo tra gli stranieri