Giocare con il fuoco

Versione stampabileSend by emailVersione PDF
Tempo fa, mia moglie ed io stavamo parlando con alcune persone, quando improvvisamente udimmo delle urla terrificanti. Ci dirigemmo verso la fonte di quelle urla e la scena che si presentò ai nostri occhi non era certo fra le più edificanti: due individui si stavano picchiando selvaggiamente.
 
Mentre tentavamo di dividerli, ci accorgemmo che uno dei contendenti stringeva i capelli dell'altro e gli sbatteva violentemente e ripetutamente la testa contro il pavimento. Non senza difficoltà riuscimmo a liberare l'uno e a trattenere l'altro e, malgrado la concitazione del momento, ci rivolgemmo al personaggio che trattenevamo domandandogli il motivo di quella lotta furibonda. Si rilassò per un istante, ci fissò negli occhi e la sua risposta ci lasciò ancor di più sconcertati: "Volevo vedergli uscire il sangue... come fa l'Uomo Tigre!".

Piccolo colpo di scena: abbiamo omesso di dirvi che, la vicenda appena descritta, non si è svolta sui marciapiedi di un quartiere malfamato, ma in una scuola materna: il più anziano dei due protagonisti aveva infatti cinque anni. Questo avvenimento fu come una scintilla, che scoccando in noi, produsse un crescente interesse verso il gioco dei bambini e, in generale, verso tutto il loro mondo.....
 
In allegato il Libro
Antonio e Marzia Amico
 

facebook icona twitter iconawhatapps icona

Potrebbe interessarti..

  • I bambini litigano e poi vanno a giocare insieme, hanno capito che la felicità vale più dell'orgoglio...

  • Lavoratori nella vigna del Signore, vorrei richiamare la vostra attenzione sul più istruttivo miracolo operato dal profeta Eliseo, nel modo in cui ci viene descritto nel quarto capitolo del Secondo Libro dei Re.

    L'ospitalità della Shunamita fu ricompensata dal dono di un figliolo; ma, ahimè, tutti i doni materiali sono di breve durata ed avvenne che, dopo qualche tempo, il bambino si ammalò e morì.

  • Chi non si è mai lasciato catturare dal fascino di una dolce melodia? E a chi almeno una volta non sarà capitato di canticchiare distrattamente il ritornello di una canzone, che pur senza volerlo, si continua a ripetere per giorni? Dalle semplici ninna nanne al suono rassicurante della voce della mamma, ciascuno di noi entra a contatto con le prime forme musicali, già dal grembo materno.

  • Gesù prese a dire: "lo ti rendo lode, o Padre, Signore del cielo e della terra, perchè" hai nascosto queste cose ai sapienti e agli intelligenti, e le hai rivelate ai piccoli".
    "Se non cambiate e non diventate come i bambini, non entrerete nel regno dei cieli". Matteo 11:25; 18:3

Opera evangelica a favore dei non vedenti

Opere evangelica per sordi

La chiesa perseguitata

Pregare ed aiutare

Il vangelo tra gli stranieri