Formalismo o religione?

Versione stampabileSend by emailVersione PDF
Delle volte ho la netta sensazione di essere come i farisei di un tempo, vi ricordate cosa diceva il nostro Signore di loro? Non riuscivano a cogliere l’evidenza della profezia dei profeti che si stava avverando, avevano davanti ai loro occhi l’oscurità della tradizione e dei precetti degli uomini.
 
16:1 I farisei e i sadducei si avvicinarono a lui per metterlo alla prova e gli chiesero di mostrar loro un segno dal cielo. 2 Ma egli rispose: «Quando si fa sera, voi dite: “Bel tempo, perché il cielo rosseggia!” 3 e la mattina dite: “Oggi tempesta, perché il cielo rosseggia cupo!” L’aspetto del cielo lo sapete dunque discernere, e i segni dei tempi non riuscite a discernerli? 4 Questa generazione malvagia e adultera chiede un segno, e segno non le sarà dato se non quello di Giona». E, lasciatili, se ne andò.
 
Matteo 16:1-4
 
Infatti i farisei, famosi per il loro attaccamento alla tradizione, erano sempre ligi al dovere.
Non permettiamo alla nostra relazione con Dio di ridursi ad una lista legalista di regole e riti. Quello che ci viene chiesto con forza dalla parola di Dio è di fare nostro il messaggio di salvezza, di morire a noi stessi e di lasciar posto allo Spirito Santo in noi in modo che il Signore, a questo punto il Nostro Signore, possa prendere il governo della nostra vita.
 
Ma la cosa che mi fa male di più è che un giorno il Signore possa dire di me allo stesso modi di come diceva, appunto dei farisei:
 
8 ”Questo popolo mi onora con le labbra,
ma il loro cuore è lontano da me.
9 Invano mi rendono il loro culto,
insegnando dottrine che sono precetti d’uomini“».
 
Matteo 15:8-9
 
Non lasciamo trascorrere la nostra vita invano, non capendo che quello che il Signore vuole è di essere onorato con il cuore, non solo con le labbra. Tutti i culti che rendiamo al nostro Signore devono essere fatti non per farci belli dinanzi agli uomini, dinanzi agli anziani, dinanzi alla propria moglie o al proprio marito o al proprio amico. I culti li dobbiamo rendere al nostro Signore perché ci ha ha donato la vita eterna, ci ha fatto capire quanto siamo peccatori e l’assoluta necessità, l’urgenza, di chiedere perdono, di ravvederci e di dare il nostro cuore a Lui. L’aver donato la nostra vita a Lui deve portarci ad offrigli la nostra vita come culto ‘vivente’.
 

facebook icona twitter iconawhatapps icona

Potrebbe interessarti..

  • Giovanni 4 - L'incontro di Gesù con la donna samaritana cambia in lei tutta la visione della sua vita materiale e spirituale. La tradizione religiosa perde significato e trova la "bistecca"..

  • Salvezza e Signoria di Cristo, binomio imprescindibile.

  • "Non chiunque mi dice: «Signore, Signore!" entrerà nel regno dei cieli, ma chi fa la Folontà del Padre mio che è nei cieli. Molti mi diranno in quel giorno: «Signore, Signore, non abbiamo noi profetizato in nome tuo e in nome tuo cacciato demoni, e fatto in nome tuo molte opere potenti?". Allora dichiarerò loro: «io non li ho mai conosciuti; allontanatevi da me, voi tutti operatori d'iniquità" (Matteo 7:21-23).

  • Matteo 21:12-17 - Gesù scaccia i mercanti dal tempio. Gesù contesta radicalmente le pratiche religiose del tempo e la "religione" mercenaria che vi si praticava.
    Roma 22 settembre 2019

  • La salvezza è in Gesù non in una religione. Gesù non ha fondato una religione. Anzi, ha avuto parole molto dure nei confronti della religione del Suo tempo. "Razza di vipere, sepolcri imbiancati belli di fuori e squallidi dentro".
     
    La salvezza è in Gesù non in una religione. Per fede in Lui abbiamo il perdono e la vita eterna. Niente da pagare, nessuna opera da compiere, solo accettare quello che Gesù ha fatto per noi. La Sua morte e la Sua resurrezione.

Opera evangelica a favore dei non vedenti

Opere evangelica per sordi

La chiesa perseguitata

Pregare ed aiutare

Il vangelo tra gli stranieri