Ecclesiaste 3

Versione stampabileSend by emailVersione PDF

Per tutte le cose c'è un tempo fissato da Dio

Ec 8:5-8, 15-17; Is 28:23-29; Sl 33:8-11

  3:1 Per tutto c'è il suo tempo, c'è il suo momento per ogni cosa sotto il cielo:

  3:2 un tempo per nascere e un tempo per morire; un tempo per piantare e un tempo per sradicare ciò che è piantato;

  3:3 un tempo per uccidere e un tempo per guarire; un tempo per demolire e un tempo per costruire;

  3:4 un tempo per piangere e un tempo per ridere; un tempo per far cordoglio e un tempo per ballare;

  3:5 un tempo per gettar via pietre e un tempo per raccoglierle; un tempo per abbracciare e un tempo per astenersi dagli abbracci;

  3:6 un tempo per cercare e un tempo per perdere; un tempo per conservare e un tempo per buttar via;

  3:7 un tempo per strappare e un tempo per cucire; un tempo per tacere e un tempo per parlare;

  3:8 un tempo per amare e un tempo per odiare; un tempo per la guerra e un tempo per la pace.

  3:9 Che profitto trae dalla sua fatica colui che lavora?

  3:10 Io ho visto le occupazioni che Dio dà agli uomini perché vi si affatichino.

  3:11 Dio ha fatto ogni cosa bella al suo tempo: egli ha perfino messo nei loro cuori il pensiero dell'eternità, sebbene l'uomo non possa comprendere dal principio alla fine l'opera che Dio ha fatta.

  3:12 Io ho riconosciuto che non c'è nulla di meglio per loro del rallegrarsi e del procurarsi del benessere durante la loro vita,

  3:13 ma che se uno mangia, beve e gode del benessere in mezzo a tutto il suo lavoro, è un dono di Dio.

  3:14 Io ho riconosciuto che tutto quel che Dio fa è per sempre; niente c'è da aggiungervi, niente da togliervi; e che Dio fa così perché gli uomini lo temano.

  3:15 Ciò che è, è già stato prima, e ciò che sarà è già stato, e Dio riconduce ciò ch'è passato.

 

L'Ecclesiaste paragona l'uomo agli animali

(Ec 5:7; 12:15-16)(Ec 12:9; 9:1-10)

  3:16 Ho anche visto sotto il sole che nel luogo stabilito per giudicare c'è empietà, e che nel luogo stabilito per la giustizia c'è empietà,

  3:17 e ho detto in cuor mio: «Dio giudicherà il giusto e l'empio poiché c'è un tempo per il giudizio di qualsiasi azione e, nel luogo fissato, sarà giudicata ogni opera».

  3:18 Io ho detto in cuor mio: «Così è a causa dei figli degli uomini, perché Dio li metta alla prova, ed essi stessi riconoscano che non sono che bestie».

  3:19 Infatti, la sorte dei figli degli uomini è la sorte delle bestie; agli uni e alle altre tocca la stessa sorte; come muore l'uno, così muore l'altra; hanno tutti un medesimo soffio, e l'uomo non ha superiorità di sorta sulla bestia; poiché tutto è vanità.

  3:20 Tutti vanno in un medesimo luogo; tutti vengono dalla polvere, e tutti ritornano alla polvere.

  3:21 Chi sa se il soffio dell'uomo sale in alto, e se il soffio della bestia scende in basso nella terra?

  3:22 Io ho dunque visto che non c'è nulla di meglio per l'uomo del rallegrarsi nel compiere il suo lavoro; tale è la sua parte; infatti, chi potrà farlo tornare per godere di ciò che verrà dopo di lui?

 

Ecclesiaste - Indice

1 - 2 - 3 - 4 - 5 - 6 - 7 - 8 - 9 - 10 - 11 - 12

facebook icona twitter iconawhatapps icona

Opera evangelica a favore dei non vedenti

Opere evangelica per sordi

La chiesa perseguitata

Pregare ed aiutare

Il vangelo tra gli stranieri