Dormire oppure morire?

Versione stampabileSend by emailVersione PDF

La prima volta che meditai il brano biblico della resurrezione di Lazzaro, nel capitolo 11 del vangelo di Giovanni, la mia attenzione fu rapita da un uso apparentemente scorretto dei verbi "dormire" e "morire".
Lazzaro era un amico di Gesù e amava molto sia Lazzaro che le sue sorelle, Marta e Maria. Eppure il Signore non andò subito a trovare l'amico quando gli riferirono che questi era molto malato (Gv 11:2), ma aspettò invece che egli morisse e poi si recò a Betania (v. 5-7).
Ad un certo punto, prima di partire per Betania, discorrendo con i suoi discepoli, Gesù affermò: "Lazzaro si è addormentato, ma vado a svegliarlo..." (v. 11). Subito dopo, vedendo che gli apostoli non avevano compreso le Sue parole, "disse loro apertamente: - Lazzaro è morto! - " (v. 14).
A seguito delle prime parole di Gesù, i discepoli avevano capito, ed era più che comprensibile, che il Signore stesse parlando del "dormire del sonno" (v. 12), ma il Cristo voleva in realtà riferirsi alla morte fisica.
Questa "stranezza" attirò a suo tempo la mia attenzione, tanto che mi chiesi perché Gesù, in questo caso, avesse usato il verbo "dormire" e come mai, invece, noi non parliamo mai di "dormire" quando vogliamo indicare lo stato della morte.
Dopo un po' di tempo, meditando sulla prima lettera dell'apostolo Paolo ai Tessalonicesi, notai che in 4:13-15 per ben tre volte si parla di "quelli che dormono" e anche di "quelli che si sono addormentati" per riferirsi ai "morti in Cristo" (v. 16).
A questo punto non avevo scelta: sentivo un forte bisogno di approfondire la questione e di comprendere da Dio come mai Egli, nella Sua ispirata Parola, usasse in modo tranquillamente alternativo i due verbi "dormire" e "morire". Si tratta forse di sinonimi? Oppure ci sono differenze importanti tra di loro? Cosa posso imparare dalla Bibbia da punto di vista?
Nel presente studio cercherò di sintetizzare i risultati della ricerca biblica che ho portato avanti da quel momento in poi......

_______________________ 

Giuseppe Martelli
è uno degli anziani della
Chiesa Cristiana Evangelicia "Assemblea dei fratelli".
Borgata Finocchio (Roma)
Via Cassaro 80-84
Roma - 00132

Email: gm1964|chiocciolina|fastwebnet.it

AllegatoDimensione
PDF icon Dormire_oppure_Morire.pdf255.88 KB

facebook icona twitter iconawhatapps icona

Potrebbe interessarti..

  • Forse non c'è dolore più grande di quello che si prova di fronte alla morte.....

    Una meditazione di Samuele NEGRI, il piccolo trattato era allegato in omaggio con Il Cristiano: www.ilcristiano.it

    qui in pdf

     

     

     

  • Il tempo della mia partenza è giunto. Ho combattuto il buon combattimento, ho finito la corsa, ho conservato la fede. Ormai mi è riservata la corona di giustizia che il Signore, il giusto giudice, mi assegnerà in quel giorno; e non solo a me, ma anche a tutti quelli che avranno amato la sua apparizione. (2 Timoteo 4:6-8)

     

    LA MORTE TRASFORMATA IN VITTORIA

  • L`uomo muore e perde ogni forza; il mortale spira, e dov`è egli? (Giobbe 14:10)
    Io sono il primo e l`ultimo, e il vivente. Ero morto, ma ecco sono vivo per i secoli dei secoli, e tengo le chiave della morte e dell`Ades (Apocalisse 1:17,18).

     

  • Io sono la Resurrezione e la Vita
    Dalla Morte Unica Uscita
    Ecco il Nemico della nostra Nemica
    Nostra stretta Amica

    Gesù colui che ha abbattuto
    Cardini ceppi stipiti
    Sgretolato porte
    Facendo tremare la Morte

    Ella ha udito i Suoi passi
    Del suo acerrimo Nemico
    Ora Lei odora di morte
    Sente il suo puzzo di forte

    Lei stessa è fetida
    Alla paura è dedita
    Ecco la morte della Morte
    Gesù ha Stabilito la sua sorte

  • Quando sono andato a farmi una doccia, alle 22:30 di Domenica, 5 Febbraio 2012, Eunice stava leggendo il libro di J. Oswald Sanders, Gesù Cristo, l’incomparabile. Sono certo che questo non sia casuale. Si stava preparando in maniera straordinaria al suo imminente incontro con il Cristo incomparabile, il suo Signore, in gloria. Eunice era rimasta a casa, quella mattina per prendersi cura di nostro nipote Marco che non stava bene, permettendo così ad Andrea e a suo figlio maggiore di venire con me al culto e alla scuola domenicale.

Opera evangelica a favore dei non vedenti

Opere evangelica per sordi

La chiesa perseguitata

Pregare ed aiutare

Il vangelo tra gli stranieri