Considerazioni di Gaetano sul parlare in lingue

Versione stampabileSend by emailVersione PDF

Ho deciso di scrivere quest'articolo, per indurre alla riflessione biblica, le persone che frequentano gli ambienti pentecostali sia classici che estremi, nei quali si vivono inevitabilmente situazioni che portano a sviluppare dubbi e perplessità, che però infine purtroppo, per mancanza di conoscenza delle Scritture, a poco a poco se ne assorbe la mentalità, fino a legittimare in modo arbitrario con la Bibbia, certi atteggiamenti che paradossalmente la Bibbia stessa condanna.

Siccome ho vissuto fin da bambino in questi ambienti, posso affermare tranquillamente di avere una buona conoscenza di ciò che avviene al loro interno. Ho frequentato comunità pentecostali classiche (ADI e libere) e quelle di stampo carismatico in diverse zone dell'Italia, (nord e sud), così come in Svizzera dove io abito.

Il motivo che mi spinge a scrivere tutto ciò, è quello di aiutare a valutare in modo non accademico ma sempre obiettivamente e naturalmente con l'aiuto della Bibbia, unico metro di misura valido, se ciò che è insegnato e praticato dal pentecostalismo sia davvero opera di Dio, dell'uomo, o come in certi altri casi addirittura del maligno.

Ringraziamo Dio per i carismi che ha dato ad ogni suo figlio, specialmente a chi insegna la parola in modo tecnicamente accurato, e profondo. Sono anche convinto però che il Signore attraverso lo Spirito Santo e la sua infallibile parola, rivela la verità anche "ai piccoli" come, senza false modestie, mi reputo anch'io.

Per permettere allo Spirito Santo di guidarci alla verità, il nostro cuore deve essere sinceramente disposto, per amore di Dio e della sua Parola, ad accettare la verità, anche quando questa si scontra profondamente con le nostre convinzioni.
Il salmista dice: "la tua parola è verità", e anche: "la tua parola è una lampada sul mio cammino".
Lo Spirito Santo ispirò a Luca (autore degli Atti degli apostoli) di lodare i Bereani definendoli di sentimenti nobili perché confrontavano con le scritture le affermazioni dell'apostolo Paolo, per vedere se le cose che lui diceva trovavano riscontro nella Bibbia di allora.
L'apostolo Paolo esortò i Corinzi a praticare il non oltre ciò che è scritto.
Di esortazioni in questo senso ce ne sono molte nella Bibbia, quindi è doveroso per un vero figlio di Dio attenersi a ciò che è scritto nella Sua parola, e a non affidare la propria salute spirituale agli uomini piuttosto che a Dio. Maledetto l'uomo che confida nell'uomo…

Visto che non tratterò gli argomenti fino alla radice, perché come già detto non ne ho le competenze, consiglierò alla fine un paio di libri molto utili che trattano la questione in modo esauriente. In questa analisi mi limiterò a citare e a ragionare gli espliciti versetti biblici, lasciando ad ognuno la propria decisione.

La particolarità del movimento pentecostale, e degli altri movimenti che ne sono derivati è senza dubbio la dottrina del cosiddetto "battesimo dello Spirito Santo", che si manifesta con il parlare in lingue sconosciute. C'è da dire però che in realtà questo "parlare in lingue" non è un vero e proprio parlare in lingue, ma nella stragrande maggioranza dei casi si tratta di un farfugliare di 5 o 6 parole senza senso, ripetute in continuazione, dove si crede che lo Spirito Santo per mezzo del credente parli direttamente a Dio. Qualcuno ogni tanto ci infila anche una parolina in inglese tipo "thank you Jesus" o simili per rendere forse la cosa più biblica (?)
In tutte le comunità che io ho frequentato, e visitato fin dalla mia infanzia, ho potuto riscontrare che chi più chi meno, al momento della preghiera comune, le persone che affermano di essere battezzate con lo Spirito Santo cominciano tutte insieme a parlare in linguaggi incomprensibili. I conduttori di tali comunità incoraggiano questa pratica, perché si pensa che così facendo scenda il fuoco dal cielo, portando benedizione sui presenti. Addirittura in alcune comunità pentecostali classiche che ho frequentato, ho assistito a vere e proprie crisi isteriche da parte di persone di rilievo. Non intendo manifestazioni spiritiche stile possessione, ma in alcuni momenti quando tutti pregavano in lingue, notavo che il loro volto diventava burbero o aggressivo, e mentre "pregavano" freneticamente in ginocchio, muovevano continuamente la sedia afferrandola forte con le mani. Qualcuno potrebbe accusarmi dicendo: "quando si prega si dovrebbero chiudere gli occhi!". Potrei anche essere d'accordo, anche se ciò non è prescritto nella Bibbia, ma il buon senso mi impediva di chiudere gli occhi.

Il punto fondamentale però è se lo Spirito Santo possa essere l'artefice di tali atteggiamenti o meno. Si riconosce che lo Spirito Santo è una persona, quindi va da se che abbia la facoltà di intendere e di volere. Crediamo che sia Dio, quindi perfetto. Crediamo anche che abbia ispirato gli scrittori biblici in ogni epoca infallibilmente. Attingiamo dunque alla fonte di ciò che Egli ha ispirato e ordinato.
Ammetto che questo metodo potrebbe sembrare versettologia, ossia giustificare una certa idea tirando fuori il versetto biblico dal suo contesto facendogli dire quello che non dice. Per questo motivo esorto energicamente ognuno a svolgere le proprie personali ricerche sul fenomeno, leggendo sia letteratura a favore del pentecostalismo, sia quella critica nei suoi confronti, chiedendo a Dio la sua guida ed il suo aiuto, ed infine in preghiera ed umiltà giungere alle proprie conclusioni.

Lo Spirito Santo, ispirò l'apostolo Paolo sulla situazione creatasi a Corinto, che lungi dall'essere guidata dallo Spirito, rispecchia molto bene ciò che avviene nelle comunità carismatiche e pentecostali. Infatti ordinò:
"Ma nell'assemblea preferisco dire cinque parole con la mia intelligenza piuttosto che diecimila parole in altra lingua. Fratelli non siate bambini di senno, ma siate bambini in malizia, ma uomini compiuti in senno." … "Se dunque, quando tutta la chiesa è riunita insieme, tutti parlano in lingue ed entrano dei profani o dei non credenti, non diranno che voi siete fuori di senno?" (1 Corinzi 14:19-23)
Lo Spirito Santo afferma che quando ci si riunisce in preghiera non bisogna parlare in lingue tutti insieme. Come può essere che lo Spirito Santo sia allo stesso tempo l'autore di tale fuoco (confusione), e allo stesso tempo Egli dice che non deve essere permesso?
Semplicemente perchè non è Lui l'autore di tale frenesia. Infatti Paolo dice che tale atteggiamento è da persone fuori di senno! Lo Spirito Santo invece produce nel credente l'autocontrollo (Galati 5:22).
Personalmente ho già sentito con le mie orecchie persone che dopo aver assistito ad un culto pentecostale hanno affermato anche spaventate: " Questi qua sono fuori di testa!"

Ho anche partecipato alle riunioni di preghiera per il "battesimo dello Spirito Santo", dove si prega per ricevere questo battesimo che si manifesta poi con la capacità di parlare in lingue incomprensibili. Secondo la dottrina pentecostale e carismatica, questa benedizione renderebbe il credente già rigenerato ancora più spirituale, conferendogli la potenza che viene dall'alto. Generalmente i conduttori pentecostali e carismatici, e coloro che affermano di avere tale dono, impongono le mani pregando in lingue incomprensibili su coloro che ricercano "il battesimo nello Spirito". Dopodichè si crea un'atmosfera frenetica dove tutti parlano in linguaggi incomprensibili, si canta in linguaggi, e tutti gli altri atteggiamenti già descritti sopra. Ma anche qui la riflessione è d'obbligo.
Lo Spirito Santo ispirò l'apostolo Paolo i seguenti versi: " Pertanto le lingue sono un segno non per i credenti, ma per i non credenti" (1 Corinzi 14:22). Questa affermazione sembra che si scontri con quella menzionata in precedenza, che invitava a non fare uso delle lingue davanti ai non credenti. Come può essere? Semplicemente il parlare in lingue (vere), come alla pentecoste, serviva in quel periodo ad annunciare il vangelo agli ebrei della diaspora, nella loro lingua madre, e attraverso questo dono, lo Spirito Santo compiva la profezia che aveva predetto in passato (Isaia 28:11). Quello che i Corinzi invece praticavano, così come oggi negli ambienti pentecostali e carismatici, era un linguaggio senza senso.

Un'altra domanda da porsi è: "perché si fanno riunioni di preghiera per ricevere un dono che la Parola mette all'ultimo posto e non incoraggia di ricercare?"
"Se uno parla in altra lingua, si faccia questo da due o tre al più, e l'uno dopo l'altro, e uno interpreti. Ma se non vi è chi interpreti si taccia nella chiesa chi parla in altra lingua" (1 Corinzi 14:27-28).
Come si fa ad interpretare una lingua che non esiste? A chi è indirizzato il messaggio?
Come si fa ad interpretare con un lungo discorso articolato e variato, quando chi parla in altra lingua in genere ripete le stesse parole più volte? Non è possibile, né tanto meno biblico.
Nella Bibbia troviamo tale pratica nelle altre chiese? No, solo in Corinto è menzionata, e non è mai lodata, anzi…
Qualcuno potrebbe giustamente obiettare ammettendo che ci sono si degli eccessi, ma la Bibbia afferma comunque di non impedire il parlare in altre lingue.
Rispondo: è fuor di dubbio che ci sono degli eccessi, e soprattutto è un eccesso a ricercare in preghiera una pratica che va contro la parola di Dio, che non è biblica.


E' vero che la Bibbia dice di non impedite il parlare in altre lingue! Ma la Bibbia va letta anche nel suo insieme. Si deve comprendere il motivo di tale dono, il suo scopo, e la sua fine. Ma soprattutto non bisogna incoraggiare ciò che la Bibbia non incoraggia. Non impedite il parlare in altre lingue non significa: "ricercate il parlare in altre lingue!" Ricerchiamo piuttosto l'amore che rimarrà per sempre!
Personalmente sono arrivato alla conclusione che il dono delle lingue è cessato, come la Bibbia afferma, perché ha adempiuto il suo scopo. Il sottoscritto non conosce il greco, ma gli esperti di tale lingua attestano che il verbo tradotto in italiano con "cesseranno" (1 Corinzi 13:8) dal passo "le lingue cesseranno", significa letteralmente che sarebbero cadute in disuso, andranno scemando fino alla loro scomparsa. E questo è successo. Fino all'inizio del 20° secolo quando sono riapparse in maniera strana. E il movimento pentecostale ne fece il su cavallo di battaglia, cosa che la Bibbia non incoraggia certamente.
Cosa dire quindi di coloro che parlano in lingue?
Secondo la mia esperienza, posso dare la mia personale opinione dicendo che, la maggior parte di chi pratica il parlare in lingue incomprensibili è sottoposta ad una pressione mentale. Con questo non sto dicendo che i pentecostali facciano il lavaggio del cervello ai loro adepti, ma quando si crea in un gruppo l'atmosfera d'attesa di qualcosa a cui ci s'ispira ciò avviene. Quando si guarda una partita di calcio in compagnia per esempio, s'interagisce a vicenda, si sobbalza insieme urlando "goal" si crea una dinamica di gruppo. Ugualmente avviene nelle riunioni di preghiera pentecostali.
I pastori e anziani continuano a spronare le persone a lasciarsi andare, a non frenare lo Spirito, e di cominciare magari a dire qualche parola, addirittura ho sentito in ambienti carismatici dire alle persone di vuotare la mente, pratica che gli occultisti applicano per entrare in contatto con gli spiriti, e che la Bibbia insegna in nessun posto. Anzi lo Spirito Santo ha esortato nella sua parola i credenti ad essere sobri, ed il frutto che lo Spirito Santo produce è l'autocontrollo, non il lasciarsi andare, l'ordine e non la confusione, la mansuetudine e non la frenesia. Quindi la maggior parte di queste persone lo fanno perché avendo poca conoscenza, credono che ciò sia biblico, e anche perché gli altri lo fanno, ma soprattutto perché ci si affida incondizionatamente ai propri pastori credendoli a volte spiritualmente infallibili.
Però bisogna anche affermare che qualche individuo si trovi sotto il controllo di qualche spirito maligno. Ci sono stati dei casi dove alcune persone parlavano vere lingue ma proferivano bestemmie contro Gesù.
Personalmente ho ricercato tale dono, e l'ho praticato per brevissimo tempo, mi era stato anche "confermato" dal pastore, che mi aveva messo alla prova, visto che non avevo ricevuto il "dono" nella sua comunità. Ma nonostante tutto questo mi rendevo conto che se pregavo con lo spirito e non con la mente non poteva essere buono, utile e soprattutto biblico. Così chiesi al Signore Gesù che se Lui avesse voluto che io parlassi in linguaggi di farmelo fare Lui, diciamo in maniera "coatta", altrimenti io avrei smesso. Non ho più parlato in lingue da quel giorno. Questo che io ho vissuto può significare poco o niente, infatti anche per me non è stato questo che mi ha fatto cambiare idea, continuavo sempre ad essere un pentecostale convinto. Sono passati circa 15 anni da quella volta, e addentrandomi sempre più nel problema, nelle varie eresie che si praticavano in nome dello Spirito Santo, ho cominciato a pormi delle domande, a cui ho voluto dare una risposta certa, ma soprattutto biblica, e ringrazio Dio che Lui ha guidato i miei passi, facendomi trovare le risposte nella sua parola.

Termino questa mia piccola analisi, consigliando come annunciato all'inizio due libri che "per caso" ho scoperto e anche recensito sul sito di Fede controcorrente, essi mi hanno aiutato molto nel confronto della verità:

CARISMOSOFIA, di Nicola Martella, lo consiglio soprattutto ai carismatici, perchè tratta sia le lingue che le altre varie convinzioni predicate da questo movimento mistico, in maniera molto particolareggiata.

DEVO PARLARE IN LINGUE? Di Guglielmo Standridge, che consiglio prevalentemente ai pentecostali, in quanto tratta esclusivamente e in maniera profonda e semplice il parlare in lingue.

Gaetano Nunnari

facebook icona twitter iconawhatapps icona

Islamecom

Opere evangelica per sordi

La chiesa perseguitata

Pregare ed aiutare

Pompieri cristiani

meta