Aggiungi un commento

Ritratto di alex

"Essendo stati creati alla Sua immagine, abbiamo dentro di noi la capacità di conoscere Dio e l'istinto di adorarlo. Nel momento stesso in cui lo Spirito Santo ci ha vivificato con l'opera della rigenerazione, il nostro intero essere percepisce la Sua somiglianza con Dio e si eleva in una gioiosa riconoscenza. Quella risposta nel nostro essere, una risposta al perdono e alla rigenerazione, segnala il miracolo della nuova nascita, senza il quale non possiamo vedere il Regno di Dio. Sì, Dio desidera ed è contento di comunicare con noi attraverso i meandri della nostra mente, le nostre volontà e le nostre emozioni. Questo scambio continuo di amore e pensiero, tra Dio e l'anima di uomini e donne redenti, è il cuore palpitante della religione del Nuovo Testamento. In realtà, è impossibile condividere questa nuova relazione senza confessare che l'opera primaria dello Spirito Santo è di restaurare l'anima umana per una comunione intima con Dio, per mezzo del lavacro della rigenerazione. Per compiere questo, Egli per prima cosa rivela Cristo al cuore penitente.
Ricordiamoci che noi conosciamo Cristo soltanto perché lo Spirito ci mette in grado di farlo. Quanto riconoscenti dovremmo essere, nello scoprire che Dio desidera condurre ogni cuore volenteroso nelle profondità e nelle altezze della divina conoscenza.
Non appena Dio manda lo Spirito di Suo Figlio nei nostri cuori, noi diciamo <<Abba>> e stiamo adorando, ma probabilmente non nel pieno significato della parola del Nuovo Testamento. Dio desidera condurci più profondamente in Lui. Avremmo molto da imparare nella scuola dello Spirito. Egli vuole guidarci nel nostro amore per Colui, che ci ha amato per primo. Egli vuole coltivare in noi l'adorazione e l'ammirazione di cui Egli è degno. Egli vuole insegnarci la meraviglia di essere riempiti di entusiasmo morale nella nostra adorazione, sopraffatti dalla conoscenza di chi è Dio. Egli vuole che noi rimaniamo di entusiasmo morale nella nostra adorazione, sopraffatti dalla conoscenza di chi è Dio. Egli vuole che noi rimaniamo stupiti nell'ammirare l'inconcepibile altitudine, vastità e splendore del nostro Dio Onnipotente.
Non ci può essere nessun sostituto umano per questo tipo di adorazione e per questo genere di risposta che nasce dallo Spirito, a lode del nostro Creatore, Redentore e Signore. Siamo però circondati da un tentativo molto evidente e continuo di sostituire l'adorazione. Sto parlando di quell'innata tentazione tra i credenti cristiani di essere sempre impegnati, in qualsiasi ora del giorno, in attività di carattere religioso.
Sono sincero quando affermo che preferirei adorare Dio che fare qualsiasi altra cosa. Forse tu potresti rispondere: <<Se adori Dio, non fai nient'altro". Ma questo dimostra che non avete fatto i vostri compiti per casa. La parte più bella dell'adorazione ê che ti prepara e ti aiuta a concentrarti sulle cose importanti che devono essere fatte per Dio. Un'indagine nella storia della chiesa può dimostrare che coloro che, hanno adorato con passione, sono coloro che, sono diventati poi dei grandi operai.".

A.W. Tozer, Cosa ne abbiamo fatto dell'adorazione a Dio?

https://www.evangelici.info/files/adorazione_a_dio.pdf

Opera evangelica a favore dei non vedenti

Opera evangelica per sordi

La chiesa perseguitata

Pregare ed aiutare

Il vangelo tra gli stranieri