Aggiungi un commento

   Mi dispiace, ma è necessario per amore della verità in Cristo, confutare quanto è stato scritto riguardo al natale. Ha origini dall'antica Babilonia, città assira-babilonese, il cui significato è una grande confusione;  pensate che una festività di tale genere,  che dovrebbe essere solo spirituale, di ogni singolo credente, e sincero cristiano, da svilupparsi nella CHIESA Spirituale di Gesù Cristo, è stata creata appositamente in un giorno destinato alla "..regina del cielo...ed al figlio Tammuz, che si credeva incarnazione del dio sole, o Yule o Mithra...(scritti babilonesi), proprio il 25 dicembre! E' solo un obbrobio!    Nei secoli scorsi, sia Calvino, con l'Editto di Ginevra,  sia il Parlamento inglese, nell'Assemblea di Westminster, sia nel Massachusset  nel 1660, hanno sempre condannato la festività natalizia, e quanti partecipavano venivano multati ed anche imprigionati. Sino alla fine del 19° secolo il natale non aveva nessuna rilevanza nelle chiese riformiste e protestanti, e non venivano nemmeno celebrati i culti in quel giorno, a meno che non cadeva di domenica. Inoltre nel 1899 ci fù una dichiarazione in cui affermavano  che non esisteva alcuna giustificazione biblica per osservare  feste come pasqua e natale, anzi erano completamente contrarie alla semplicità dell'Evangelo di Gesù Cristo. Compreso il presepe, che si rifà all'idolatria pagana. Altro che insegnamento per i giovani, è dire semplicemente che la Chiesa non conquista il mondo, ma che il  mondo ha conquistato la Chiesa.   "E non vi  conformate a questo secolo, ma siate trasformati mediante il rinnovamento della vostra mente, affinchè conosciate per esperienza q1uaql sia la volontà di DIO, la buona, perfetta e accettevole volontà."  (Rif. Romani cap. 12 verso 2 )        DIO vi benedica!

Opera evangelica a favore dei non vedenti

Opere evangelica per sordi

La chiesa perseguitata

Pregare ed aiutare

Il vangelo tra gli stranieri