Aggiungi un commento

Gentili Signori, cari fratelli in Cristo, ho settant’anni.....

Versione stampabileSend by emailVersione PDF
"Gentili Signori, cari fratelli in Cristo, ho settant'anni. Fino all'età di sessantanove anni sono stato, come si usa dire, cristiano praticante in una chiesa in cui le tradizioni, i divieti, gli obblighi, le costrizioni, avevano preso il posto dell'insegnamento biblico.
 
Adesso leggo la Bibbia due ore al giorno, e quando la finisco ricomincio da capo. Leggendo la Bibbia, ho incontrato il Signore che ha versato il suo sangue per noi, per darci la vita eterna. Prima ero un individualista, un materialista, non pensavo che a me stesso, ma ero infelice.
 
Ora amo tutti e la morte non mi fa più paura poiché so che il Signore mi aspetta. Ora mi definisco un cristiano biblico che non aderisce a una particolare religione. Io vivo il Vangelo e il Signore guida costantemente i miei passi.  Molte persone della mia età sono infelici; l'attaccamento a una religione dà loro soltanto una vaga speranza mentre la Bibbia dà delle grandi certezze.
Vorrei, per favore, ricevere due Evangeli che vorrei dare a mio fratello (78 anni) e a mio cognato (67 anni) perché anch'essi possano trovarvi la felicità..." C..., 5 aprile 2003

Tratto dal calendario "IL BUON SEME" - edizioni "il Messaggero Cristiano"
Via Santuario, 26 - 15048 Valenza (AL)

facebook icona twitter iconawhatapps icona

Opera evangelica a favore dei non vedenti

Opere evangelica per sordi

La chiesa perseguitata

Pregare ed aiutare

Il vangelo tra gli stranieri