Aggiungi un commento

Dalla Russia, "la storia incredibile"

Versione stampabileSend by emailVersione PDF

Untuoso e Shura, una meravigliosa trasformazione. Verso il 1920, durante una grave carestia una famiglia russa decise di emigrare verso la Siberia. Ovviamente si trattava di un viaggio molto pericoloso e difficile. Purtroppo, prima di arrivare a destinazione, accadde che i genitori morirono lasciando tre orfani che furono accolti in degli istituti dove venivano trattati in modo disumano.

Uno dei tre ragazzi si ribellò a quella vita così difficile e fuggì con l'intenzione di tornare nel suo paese di origine. Anche il suo fù un viaggio difficile e pericoloso. Una notte, mentre dormiva in un bosco, incontrò dei fuorilegge che lo accolsero nel loro gruppo e gli insegnarono la triste arte della malavita. Per una ragione che non conosciamo, lo soprannominarono "Untuoso" e con il passar del tempo il ragazzo imparò così bene quel brutto "mestiere" che diventò il capo di quella banda pericolosa.

Un giorno derubarono due uomini d'affari e li uccisero barbaramente. Tra gli effetti personali di uno di loro trovarono un Nuovo Testamento e, nel tempo libero, Untuoso cominciò a leggerlo. Nella prima pagina lesse queste parole scritte a mano dall'uomo che aveva ucciso "Il 15 maggio 1898 il Signore ha lavato i miei peccati con il suo sangue e mi ha perdonato". Un altro giorno lesse nella lettera ai Romani: "Non c'è nessuno che cerchi Dio, nessuno che capisca" (3:11).

Quella notte non riuscì a dormire; stava sveglio a rigirarsi nel letto mentre pensava:"Da quando ho cominciato a legge­re quel libro, non ho più pace". Intanto i suoi compagni erano a dir poco perplessi e si chiedevano anche loro cosa mai fosse quel libro, che stava cambiando così tanto il loro capo banda. Dopo un po' Untuoso cominciò a leggere quel Nuovo Testamento a voce alta e anche i suoi com­pagni cominciarono ad ascoltare le parole di Dio. Per quella potenza che solo la Parola di Dio ha, tutti i componenti di quella banda si convertirono al Signore e abbandonarono la loro vita di peccato. Tutto senza l'intervento di nessun essere umano, solo attraverso la convinzione dello Spirito Santo. Che miracolo!

Un giorno decisero di andare insieme a costituirsi alle autorità e a confessare le loro malefatte, come avevano già fatto inginocchiati alla presenza del Signore.
La polizia li portò da un giudice che ascoltò con la massima attenzione il loro racconto e poi... chiese che gli imprestassero quel Nuovo Testamento. Quella notte il giudice passò tutto il tempo a leggere la Parola di Dio e anche lui si convertì.

Untuoso e i suoi amici furono processati e condannati a 10 anni di lavori forzati. Anche lì testimoniarono con potenza ai loro compa­gni. Dopo 2 anni furono liberati per buona condotta e, una volta liberi, dedicarono la loro vita alla predicazione del Vangelo, viaggiando qua e là.

Un giorno arrivarono in un villaggio vicino al paese dov'era nato Untuoso e qui incontrarono degli altri credenti. Dopo una riunione serale, nella quale egli raccontò tutta la sua storia, quale fu la sua sorpresa nel ritrovare una delle sue sorelle, che aveva lasciata tanti anni prima nell'orfanatrofio; anche lei nel frattempo era diventata una figlia di Dio.Insieme a lei cominciò a evangelizzare nel loro paese d'origine, ma siccome era proibito fare del proselitismo, dopo un po' furono entrambi messi in galera dove restarono per due anni.

Anche in carcere Untuoso e sua sorella Shura continuarono a testimoniare della loro fede. Quando uscirono, per nulla intimoriti, ripresero la loro opera di evangelizzazione.
Nel Nuovo Testamento rubato all'uomo che aveva assassinato, Untuoso scrisse: "Perdona, amato fratello di averti ucciso mentre io stesso ero morto nei miei falli e nei miei peccati. Tuttavia il Signore mi ha perdonato e mi ha risuscitato a una nuova vita. Dopo questo ho dedicato tutta la mia vita a condurre altre anime a Cristo. Per questo lodo Dio".

Da: Charles Lukesh, Greasy the robber

"E tali eravate alcuni di voi, ma siete stati lavati, siete stati santificati, siete stati giustificati nel nome del Signore Gesù Cristo" (1 Corinzi 6:11)

 

facebook icona twitter iconawhatapps icona

Opera evangelica a favore dei non vedenti

Opere evangelica per sordi

La chiesa perseguitata

Pregare ed aiutare

Il vangelo tra gli stranieri