Aggiungi un commento

Ritratto di alex

Caro Peppe, grazie per l'intervento e le puntualizzazioni.
Purtroppo, però, non ci fanno cambiare idea sulla questione centrale dell'argomento da te argomentato.
L'idolatria, la sostituzione del Creatore con la creatura, nella lode e nelle preghiere è un fatto innegabile.
Certamente nel corso dei secoli queste tradizioni sono state difese ad arte, basti pensare all'introduzione dei concetti quali venerazione e iperdulia per distinguerle dall'adorazione.
Tuttavia queste tradizioni e distinzioni non solo non sono presenti nella bibbia ma neanche nel popolo e l'effetto è, nei fatti e nella pratica, solo questo: direzionare lo sguardo sulle creature piuttosto che sul Creatore.

Il discorso sarebbe lungo, lecito infatti chiedersi il perchè di queste politiche ed anche i motivi di simili distanze tra quello che è scritto, nella Bibbia, e quello che si predica...

Ad ogni modo tutto è già stato detto, trito e ritrito, riprendere il discorso qui forse non servirebbe a nulla se non a ribadire le rispettive distanze..

Da parte mia, e credo anche da parte dei miei fratelli, riteniamo e confermiamo che non è in una religione la salvezza, cattolica o evangelica. La salvezza e il perdono dei peccati e ci è possibile solo per grazia, non per rituali o sacramenti, e solo per i meriti di uno, cioè Cristo.

Quello che salva non è una religione, ma una relazione.

Dio ci benedica in questa relazione.

Perciò anch'io, avendo udito parlare della vostra fede nel Signore Gesù e del vostro amore per tutti i santi, non smetto mai di rendere grazie per voi, ricordandovi nelle mie preghiere, affinché il Dio del nostro Signore Gesù Cristo, il Padre della gloria, vi dia uno spirito di sapienza e di rivelazione perché possiate conoscerlo pienamente; egli illumini gli occhi del vostro cuore, affinché sappiate a quale speranza vi ha chiamati, qual è la ricchezza della gloria della sua eredità che vi riserva tra i santi, e qual è verso di noi, che crediamo, l'immensità della sua potenza.

Questa potente efficacia della sua forza egli l'ha mostrata in Cristo, quando lo risuscitò dai morti e lo fece sedere alla propria destra nel cielo, al di sopra di ogni principato, autorità, potenza, signoria e di ogni altro nome che si nomina non solo in questo mondo, ma anche in quello futuro. Ogni cosa egli ha posta sotto i suoi piedi e lo ha dato per capo supremo alla chiesa, che è il corpo di lui, il compimento di colui che porta a compimento ogni cosa in tutti.

Efesini 1

Opera evangelica a favore dei non vedenti

Opere evangelica per sordi

La chiesa perseguitata

Pregare ed aiutare

Il vangelo tra gli stranieri