Aggiungi un commento

I veri 10 comandamenti

Versione stampabileSend by emailVersione PDF

I Dieci Comandamentii secondo la Sacra Bibbia, e le alterazioni presenti nel catechismo della chiesa cattolica.Prima di leggere il testo dei dieci comandamenti riportati nella Sacra Bibbia, occorre precisare alcune cose molto importanti.

I comandamenti (la legge di Dio) non furono dati perché praticandoli ci potessimo considerare "giusti" davanti a Dio. Al contrario, essi dimostrano a tutti gli uomini di tutte le epoche che nessuno è giusto e senza peccato (Rom:3:23). Infatti, "chiunque avrà osservato tutta la legge, e avrà fallito su un solo punto, si rende colpevole di tutti i punti" (Giac. 2:10).

La legge di Dio è servita per aprirci gli occhi sulla nostra condizione e "condurci a Cristo, affinché noi fossimo giustificati per fede" (Gal:3:24). Fermo restando che l'osservanza dei comandamenti di Dio resta comunque un dovere di tutti i credenti. Il fatto di essere salvati non autorizza, ad esempio, a mentire o a rubare.
Chiarito questo, sappiamo anche che tramite l'osservanza dei comandamenti ci è promesso un tesoro nel cielo: un premio che in quel giorno Dio farà conoscere a ognuno di noi. Questo premio, però, non è la vita eterna, perché essa è il dono di Dio a chi crede nel messaggio del vangelo di Gesù Cristo.

La salvezza dell'anima si riceve soltanto per grazia, e non possiamo in alcun modo ottenerla per meriti personali o attraverso preghiere, elemosine, pellegrinaggi, e così via. Essa si riceve nel momento in cui, riconoscendosi peccatori davanti a Dio, si decide di credere e di accettare Gesù Cristo come proprio salvatore, secondo il messaggio del Vangelo, e si dà a Lui tutto il proprio cuore.

 La Bibbia dichiara: "Infatti è per grazia che siete stati salvati, mediante la fede; e ciò non viene da voi; è il dono di Dio. Non è in virtù di opere affinché nessuno se ne vanti" (Efesini 2:8). "L'uomo non è giustificato per le opere della legge ma soltanto per mezzo della fede in Cristo Gesù" (Galati 2:16)."Poiché Dio ha tanto amato il mondo, che ha dato il suo unigenito Figlio, affinché chiunque crede in lui non perisca, ma abbia vita eterna. .. Chi crede in lui non è giudicato; chi non crede è già giudicato, perché non ha creduto nel nome dell'unigenito Figlio di Dio"(Giovanni 3:16-18) Uno sguardo ai dieci comandamenti riportati nel catechismo cattolico Poche persone sanno che sebbene i comandamenti insegnati nella Sacra Bibbia sono dieci, quelli insegnati nel Catechismo della Chiesa Cattolica sono in realtà soltanto nove. Il secondo, infatti, è stato letteralmente cancellato, e dal decimo ne hanno ricavato due "pezzi", per coprire il vuoto del secondo. Così, ora il secondo è in realtà il terzo, il terzo è il quarto, e così via.

(dal Catechismo di S. Pio X per la preparazione ai sacramenti)

  1. Io sono il Signore Dio tuo, Non avrai altro Dio fuori di me.
  2. Non nominare il nome di Dio invano.
  3. Ricordati di santificare le feste.
  4. Onora il padre e la madre.
  5. Non uccidere.
  6. Non commettere atti impuri.
  7. Non rubare.
  8. Non dire falsa testimonianza.
  9. Non desiderare la donna d'altri.
  10. Non desiderare la roba d'altri.

(*) Nota sul terzo comandamento - La Bibbia non dice "le feste", ma "il giorno del riposo", "il settimo", ossia la nostra domenica.

(dalla Bibbia - Esodo 20:2-17 )

 

  1. "Io sono il Signore, il tuo Dio , che ti ho fatto uscire dal paese d'Egitto, dalla casa di schiavitù. Non avere altri dèi oltre a me.
  2. Non farti scultura, né immagine alcuna delle cose che sono lassù nel cielo o quaggiù sulla terra o nelle acque sotto la terra. Non ti prostrare davanti a loro e non li servire, perché io, il Signore, il tuo Dio, sono un Dio geloso; punisco l'iniquità dei padri sui figli fino alla terza e alla quarta generazione di quelli che mi odiano, e uso bontà fino alla millesima generazione, verso quelli che mi amano e osservano i miei comandamenti.
  3. Non pronunciare il nome del Signore, Dio tuo, invano; perché il Signore non riterrà innocente chi pronuncia il suo nome invano.
  4. Ricòrdati del giorno del riposo per santificarlo. Lavora sei giorni e fa' tutto il tuo lavoro, ma il settimo è giorno di riposo, consacrato al Signore Dio tuo.
  5. Onora tuo padre e tua madre, affinché i tuoi giorni siano prolungati sulla terra che il Signore, il tuo Dio, ti dà.
  6. Non uccidere.
  7. Non commettere adulterio.
  8. Non rubare.
  9. Non attestare il falso contro il tuo prossimo.
  10. Non desiderare la casa del tuo prossimo; non desiderare la moglie del tuo prossimo, né il suo servo, né la sua serva, né il suo bue, né il suo asino, né cosa alcuna del tuo prossimo".

Potete dunque vedere da voi la differenza. Vi chiederete per quale motivo il clero Cattolico Romano ha alterato i comandamenti, e ha cancellato il secondo. Alcuni sacerdoti cattolici si giustificano dicendo che il secondo comandamento era solo per gli Ebrei (il che non è vero, poiché insieme agli altri nove comandamenti, dati anch'essi agli Ebrei, esso è Parola di Dio, ed è un comando rivolto a tutti gli uomini senza distinzioni; inoltre Dio condanna molto severamente qualunque aggiunta o cancellazione alla Sua Parola).
Un altro sacerdote ha risposto che in realtà, alcuni fanno una divisione tra il primo e il secondo comandamento, e però uniscono il nono e il decimo, mentre altri uniscono il primo e il secondo, e separano il nono e il decimo. Naturalmente una tale risposta è un'offesa anche al meno istruito degli esseri umani.

Al di là dei sofismi e dei giri di parole, la realtà dei fatti è che se non avesse tolto il secondo comandamento, la Chiesa Cattolica non avrebbe potuto più riempire le chiese e i santuari di statue ed immagini della "madonna" e dei cosiddetti santi, insegnando ai fedeli a venerarle, il che è idolatria (Dio condanna sia l'adorazione - "non li servire" - che la venerazione - "non ti prostrerai davanti a loro" - di vivi, morti, oggetti e immagini, terreni o divini, buoni o cattivi che siano. La Bibbia dice: "A Lui solo rendi il tuo culto").

Come avrebbero potuto giustificare una tale trasgressione del secondo comandamento? Così, "hanno tolto la legge, e il reato non c'è più".

Oltre al secondo comandamento, che manca completamente dal Catechismo cattolico, il quarto è stato manomesso. È stato accorciato, distorto e svuotato di tutto il suo valore, anche questo per poter fare il proprio comodo. Dio stava parlando del "Sabato" (Sabbath), che non è il nostro Sabato, ma che letteralmente significa "Settimo Giorno". La Domenica è il Settimo Giorno, perchè noi iniziamo a lavorare il Lunedì. Oltre a questo, dato che Gesù risuscitò di Domenica, il Cristianesimo ha deciso fin dagli albori di scegliere questo giorno.
Purtroppo, la Chiesa Cattolica ha manomesso questo comandamento, che riguardava solo il Settimo Giorno, per dire invece di "santificare le feste". Cioè, il comandamento non si limiterebbe più al settimo giorno che Dio ha scelto, ma a tutte le feste inventate dalla Chiesa Cattolica Romana!

Dio ci avverte: "Non aggiungerete nulla a ciò che io vi comando e non ne toglierete nulla; ma osserverete i comandi del Signore Dio vostro che io vi prescrivo" (Deut. 4:2).
Secondo la Sacra Bibbia, che è la Parola di Dio, chi si ostinerà anche soltanto a dire una bugia, senza ravvedersi secondo il vangelo, sarà gettato nello stagno ardente di fuoco e di zolfo, che è la seconda morte (l'inferno), cfr. Apocalisse 21:8, e 22:15.

Cari amici, come avete potuto constatare, le differenze tra la Sacra Bibbia e il Catechismo della Chiesa Cattolica sono di vitale importanza. Le manomissioni degli insegnamenti delle Sacre Scritture sono inammissibili per Dio.

Noi non vi chiediamo di chiudere gli occhi e farvi guidare da altre persone. Ciò che vi chiediamo, è di leggere la Bibbia, e soprattutto il Nuovo Testamento, il quale ci presenta il piano di salvezza per la nostra anima, secondo il sacrificio di Cristo sulla croce.

Chiesa Cristiana Evangelica dei Fratelli di Via D. Minichini n° 17 - 80147 Napoli

Vedi anche:

facebook icona twitter iconawhatapps icona

Opera evangelica a favore dei non vedenti

Opere evangelica per sordi

La chiesa perseguitata

Pregare ed aiutare

Il vangelo tra gli stranieri