Aggiungi un commento

Ritratto di R_Francesco

Mt 7:1 «Non giudicate, affinché non siate giudicati; 2 perché con il giudizio con il quale giudicate, sarete giudicati; e con la misura con la quale misurate, sarà misurato a voi.

Giovanni 8:7
E siccome continuavano a interrogarlo, egli(Gesù), rizzatosi, disse loro: Chi di voi è senza peccato, scagli il primo la pietra contro di lei.                            

Entrambe le scritture ci provengono direttamente dalla bocca di Gesù.

Mi sono permesso di aggiungere l'episodio come in Giovanni 8:7 per portare avanti un certo discorso, per far risaltare la visione distorta che si ha nel leggere le scritture.. e peggio ancora, nella loro "applicazione" alla nostra vita.

In Matteo 7:1, Gesù sta parlando con coloro che hanno accettato il Suo evangelo e li ammonisce dal giudicare alcuno... onde non essere a loro volta giudicati... e di sicuro in maniera più pesante... ma, i seguaci di Gesù, chi non devono "giudicare"... e poi, giudicare che significa?... Per coloro che non sono di Cristo, basta poco che si sentano giudicati... la loro colpa li giudica anche senza che nessuno li "apostrofi" sulle loro malefatte... quindi, attenzione e piedi di piombo nel proferir loro parole che pur essendo scritturali, stuzzicano la loro suscettibilità e la reazione spesso violenta... si direbbe a ragione( ma non è vero ), ma la loro ragione proviene dai suggerimenti dello spirito che li muove e che non è da Dio... Pertanto, cautela nel parlare con loro... meglio un approccio "soft"...

Poi, ci sono i "fratelli" in fede... con costoro, è un pericolo maggiore... conoscono la scrittura e pertanto, "sicuramente" ti stai sbagliando a far notare loro una cosa che non va in loro...  ti mostreranno propio  Matteo7:1... e ti metteranno KO!... Sembrerebbe che abbiano ragione...    ma così non è.

Allo stesso modo, il "fratello" che viene colto in fallo, alla nostra rimostranza, anche se fatta con toni pacati e con amore, ti ricorderanno che : "chi non ha peccato scagli per primo la sua pietra"

Per quanto detto, e riferendomi pure al post che parla del fuscello e della trave

Matteo 7:3
E perché guardi tu il bruscolo che è nell'occhio del tuo fratello, mentre non iscorgi la trave che è nell'occhio tuo?...

In questi casi citati e anche in molti altri, chi si sente "ripreso", ricorre alla scrittura, così facendo, annulla la riprensione... sembrerebbe che abbia ragione... ma così non è.

Allora, La Parola è rivolta a ciascuno di noi... in prima persona. E come nel mondo esiste una regola che dice: "Non si risponde ad una domanda con un'altra domada..." parimenti, non si controbatte ad una riprensione con una riprensione... chi ha mosso per primo la riprensione verso il fratello che ha sbagliato, sarà Dio a vagliare il suo cuore... e non il fratello ripreso!

ora dico che in Mt 7:1

Mt 7:1 «Non giudicate, affinché non siate giudicati; 2 perché con il giudizio con il quale giudicate, sarete giudicati; e con la misura con la quale misurate, sarà misurato a voi.

non si parla di un rapporto tra fratelli in Cristo... ma tra chi è di Cristo e chi è del mondo.

 F.sco

 

Opera evangelica a favore dei non vedenti

Opere evangelica per sordi

La chiesa perseguitata

Pregare ed aiutare

Il vangelo tra gli stranieri