Aggiungi un commento

Ritratto di alex

Ciao Anna scrivi:

Sono cattolica. Secondo me molti di quelli che lasciano la Chiesa cattolica lo fanno perchè non hanno avuto una buona preparazione biblica, e quando trovano chi la fa leggere secondo le proprie idee, credono a quello che sentono senza preoccuparsi di chiedere spiegazioni ad un sacerdote.

Credo che si possa concordare con parte di quello che hai scritto. Molti cattolici, purtroppo, non leggono la Bibbia. Spesso neanche i sacerdoti lo fanno, assorbiti in breviari o altri studi, difficilmente li si vede leggere la Bibbia, apparte i versetti che il canone impone durante le messe. Succede, quindi, che qualcuno può, nella lettura della stessa scoprire che le cose stanno diversamente da quanto creduto. Spesso, quindi, queste scoperte portano a riconsiderare il credo che si è avuto, magari per nascita e per tradizione. Questo è una buona cosa e lo è anche parlare con i sacerdoti, ma anche con i testimoni di Geova o con gli evangelici. Ma rimanere ancorati alla Bibbia lo è ancor di più. Quello di cui abbiamo bisogno è legarsi non ad una persona o una denominazione, ma a Gesù Cristo, Lui è il Salvatore!

Innanzitutto, Gesù stesso ha detto a Simon-Pietro di "pascere le sue pecorelle" (e glielo ha ripetuo ben 3 volte!), inoltre, cambiandogli il nome, gli ha detto "su questa pietra fonderò la mia Chiesa, e le porte degli inferi mai prevarranno su di essa"! Come mi spiegate queste parole? I cattolici riconoscono in Pietro la prima guida del popolo di dio, la Chiesa (che non è un insieme di prelati, ma la grande famiglia dei battezzati).

Cara Anna questo aspetto è stato più volte dibattuto e chiarito.
La Bibbia ci dice che Gesù ha cambiato nome a Simone chiamandolo Cefa (sasso) è vero, ma rileggiamo il passo per meglio capire, ci troviamo in Matteo cpaitolo 16

13 Poi Gesù, giunto nei dintorni di Cesarea di Filippo, domandò ai suoi discepoli: «Chi dice la gente che sia il Figlio dell'uomo?»
14 Essi risposero: «Alcuni dicono Giovanni il battista; altri, Elia; altri, Geremia o uno dei profeti». 1
5 Ed egli disse loro: «E voi, chi dite che io sia?»
16 Simon Pietro rispose: «Tu sei il Cristo, il Figlio del Dio vivente».
17 Gesù, replicando, disse: «Tu sei beato, Simone, figlio di Giona, perché non la carne e il sangue ti hanno rivelato questo, ma il Padre mio che è nei cieli.
18 E anch'io ti dico: tu sei Pietro, e su questa pietra edificherò la mia chiesa, e le porte dell'Ades non la potranno vinc
ere.

Qual'è la pietra a cui si riferisce Gesù? E' Pietro? Ne siamo sicuri?

Leggiamo un pò di versetti nella Bibbia:
- 22 La pietra che i costruttori avevano disprezzata è divenuta la pietra angolare. 23 Questa è opera del SIGNORE,
è cosa meravigliosa agli occhi nostri. (salmo 118)
- 7 Per voi dunque che credete essa è preziosa; ma per gli increduli «la pietra che i costruttori hanno rigettata è diventata la pietra angolare, 8 pietra d'inciampo e sasso di ostacolo». (stessi versetti ripresi da Pietro in 1° Pietro 2:7)


Etc... tanti passi ci parlano di Gesù come Pietra su cui è fondata la chiesa di Dio. Questo è tanto chiaro a Pietro stesso che lui stesso ci spiega le parole che Geùs gli ha detto, leggiamo Pietro:

4 Accostandovi a lui, pietra vivente, rifiutata dagli uomini, ma davanti a Dio scelta e preziosa, 5 anche voi, come pietre viventi, siete edificati per formare una casa spirituale, un sacerdozio santo, per offrire sacrifici spirituali, graditi a Dio per mezzo di Gesù Cristo.  (1° Pietro 2)

Pietro ha capito le parole di Gesù e le ripete a tutti noi, tutti quelli che ricevono Gesù (la pietra rigettata dai costruttori) divengono pietre viventi edificate sulla Pietra basilare che è Gesù.

Le parole che Gesù ha detto a Pietro, quindi, non rioguardano la sua persona ma la sua confessione: 16 Simon Pietro rispose: «Tu sei il Cristo, il Figlio del Dio vivente». - Questa è la Pietra, il basamento su cui Cristo edifica la Sua chiesa!

Indubbiamente poi Gesù gli affida un incarico, pasci il gregge, ma non sta scritto da nessuna parte che questo incarico sia stato tramandato, e perl lo più tramandato tramite i vescovi di Roma, questo non è Bibbia, sono stati giochi di potere.

 

Nella Chiesa, a parte le immagini di Cristo crocifisso, ogni giorno si ripete e si ricorda nell'Eucarestia che Cristo è vivo, e non solo nel pane e nel vino (Lui disse "Questo E' il mio corpo"... Questo E' il mio sangue", e non disse che il pane e il vino "rappresentavano" il suo corpo e il suo sangue), ma anche in ogni fratello. Non so chi vi abbia detto che si ricorda Cristo morto... La nostra fede sarebbe INUTILE se non credessimo nella risurrezione di Cristo, che è la vera Buona Novella.

E' scritto in Ebrei 7

26 Infatti a noi era necessario un sommo sacerdote come quello, santo, innocente, immacolato, separato dai peccatori ed elevato al di sopra dei cieli; 27 il quale non ha ogni giorno bisogno di offrire sacrifici, come gli altri sommi sacerdoti, prima per i propri peccati e poi per quelli del popolo; poiché egli ha fatto questo una volta per sempre quando ha offerto se stesso. 28 La legge infatti costituisce sommi sacerdoti uomini soggetti a debolezza; ma la parola del giuramento fatto dopo la legge costituisce il Figlio, che è stato reso perfetto in eterno.

Abbiamo un solo Sacerdote oggi: Cristo Gesù. Il sacrificio è stato fatto una volta per sempre.
Già solo questo dovrebbe farti interrogare sul rituale cattolico totalmente privo di fondamento neotestamentario. Trattasi, piuttosto, di un appropriarsi di rituali riservati al popolo d'Israele (sacerdozio, sacrifici, etc) di cui ci siamo indebitamente impossessati si veda:

La teologia della sostituzione e i suoi effetti - Chiesa al posto d'Israele?

Ovviamente il ricordo della morte del Signore prelude alla vittoria su di essa. 

Nella Bibbia si parla anche delle preghiere per i defunti, come nel Secondo libro Maccabei, e ricordiamoci che, avendo la Chiesta una storia ininterrotta dalla morte e risurrezione di Cristo ad oggi, alcuni aspetti "pratici" del culto si sono consolidati nel tempo, come in fondo succede per il culto e i riti delle chiese evangeliche (nonostante la loro storia ben più breve).

Il libro dei Maccabei non è Bibbia, come saprai. Alle tradizioni, cattoliche ed evangeliche, che si instaurano nel tempo dobbiamo stare attenti ed essere pronti ad interromperle.. Gesù ai religiosi dice:

Mt 15:1 Allora vennero a Gesù da Gerusalemme dei farisei e degli scribi, e gli dissero: 2 «Perché i tuoi discepoli trasgrediscono la tradizione degli antichi? Poiché non si lavano le mani quando prendono cibo». 3 Ma egli rispose loro: «E voi, perché trasgredite il comandamento di Dio a motivo della vostra tradizione? 4 Dio, infatti, ha detto: "Onora tuo padre e tua madre"; e: "Chi maledice padre o madre sia punito con la morte". 5 Voi, invece, dite: "Se uno dice a suo padre o a sua madre: 'Quello con cui potrei assisterti è dato in offerta a Dio', 6 egli non è più obbligato a onorare suo padre o sua madre". Così avete annullato la parola di Dio a motivo della vostra tradizione. 7 Ipocriti! Ben profetizzò Isaia di voi quando disse:
8 "Questo popolo mi onora con le labbra,
ma il loro cuore è lontano da me.
9 Invano mi rendono il loro culto,
insegnando dottrine che sono precetti d'uomini"».

I beni che ha il Vaticano sono in realtà opere d'arte che sono state edificate nei secoli, sicuramente anche perchè la Chiesa aveva potere politico, ma non dimentichiamo che ogni chiesa è edificata per rendere lode e culto a Dio, e simboleggiare la sua grandezza. Non so quanto egli apprezzi questo, ma sicuramente non è stata una novità dei cristiani quella di edificare templi (anche grandiosi) a Dio. Io lo vedo come un "regalo" che i fedeli fanno al proprio Dio, per riconoscenza e lode a Lui.

Luca 12 - 33 Vendete i vostri beni, e dateli in elemosina; fatevi delle borse che non invecchiano, un tesoro inesauribile nel cielo, dove ladro non si avvicina e tignola non rode. 34 Perché dov'è il vostro tesoro, lì sarà anche il vostro cuore.

In merito alla "intermediazione" dei sacerdoti, ricordiamo, oltre all'incarico dato a Pietro, anche l'istituzione del sacramento della Riconciliazione, quando Gesù ha detto "a chi rimetterete i peccati, saranno rimessi...(Vangelo di Giovanni, 18)". Inoltre, anche nella prima Chiesa venivano scelte persone di fiducia (per voi Evangelici sono i pastori), alle quali i presbiteri "imponevano le mani" (vedi i capitoli 6 e 13 degli Atti degli Apostoli e le lettere a Timoteo), affinchè ricevessero uno speciale ministero per mezzo dello Spirito Santo.

E' il concetto di intermediazione che non è Biblica, il Signore ha predisposto diversi doni e diversi ruoli, ma non per intercedere, ognuno ha accesso al Padre, Dio ha fatto tutti i cedenti "sacerdoti"... Fare due diversi gruppi di fatto allontana da Dio non avvicina.

Giovanni, alle sette chiese che sono in Asia: grazia a voi e pace da colui che è, che era e che viene, dai sette spiriti che sono davanti al suo trono 5 e da Gesù Cristo, il testimone fedele, il primogenito dei morti e il principe dei re della terra.
A lui che ci ama, e ci ha liberati dai nostri peccati con il suo sangue, 6 che ha fatto di noi un regno e dei sacerdoti del Dio e Padre suo, a lui sia la gloria e la potenza nei secoli dei secoli. Amen. Apocalisse 1

Infine, una parola in merito alle immagini... Dio stesso fece realizzare a Mosè un serpente di bronzo e l'arca dell'Alleanza con due cherubini, quindi le immagini non erano vietate. Quello che la Bibbia vieta è l'adorazione delle immagini, nel senso che vieta di fare di una immagine una divinità. Beh, se qualcuno accendendo una candela sotto una immagine, pensa di adorare l'immagine stessa, direi che non ha un grande grado di comprensione dei "simboli". Io, pregando davanti ad una immagine (e direi che non sarebbe neanche necessario farlo, ma che può essere d'aiuto) prego chi in quella immagine è rappresentato, e non la statua o il quadro!! Ricordiamo che i Comandamenti sono stati scritti quando il popolo credeva realmente che in una immagine vi fosse la presenza di un dio.

Sono daccordo, le immaggini sono idolo quando si adorano, tuttavia porle in un certo contesto favorisce l'adorazione ad esse, ma anche alle persone che esse rappresentano, piuttosto al solo che merita l'adorazione.

Queste sono alcune delle cose che mi ha insegnato la Chiesa, e non vedo perchè dovrei dubitare di quanto detto, per ascoltare una interpretazione della Bibbia introdotta nel XVI secolo, che in realtà è talmente variegata da non permettermi di capire in cosa credere effettivamente (le chiese protestanti sono migliaia, e tutte diverse tra loro, con lievi differenze... quindi, chi avrà ragione nella sua personale interpretazione della Bibbia?).

Hai ragione non devi dar retta a nessuno, ma alla Bibbia, leggila, meditala lei risponderà. Cerca la faccia di Dio, la Sua presenza, la Sua consolazione, e i suoi chiarimenti, lo Spirito Santo è una cosa vera e può parlarci quando apriamo il cuore a lui

Detto questo, mi auguro che la meditazione delle Sacre Scritture con la guida di Gesù Cristo, faccia in modo che le nostre strade convergano un giorno non lontano, affinchè "tutti siano una cosa sola" (Gv 17, 20-26), perchè da questo il mondo riconoscerà che Gesù è realmente Figlio di Dio.

Amen!

Pace in Cristo a Voi.

Grazie... Dio ti benedica.!

Opera evangelica a favore dei non vedenti

Opere evangelica per sordi

La chiesa perseguitata

Pregare ed aiutare

Il vangelo tra gli stranieri