Aggiungi un commento

Ritratto di alex

Non basta indossare una maglietta per esser parte di quella storia, o mostrare una Bibbia per essere cristiani.
Eppure sembra questo questo l'inganno, funzionante, di questo secolo... in effetti anche dei tempi antichi (e gli occhi videro…).
"Io sono con voi voglio il vostro bene". Oppure "ecco questo è il vostro nemico ma io vi difenderò".
Da cristiani vigiliamo e restiamo ancorati agli insegnamenti di Gesù. L'apostasia degli ultimi tempi è proprio questa: “non dichiararsi atei, ma credenti rinnegando gli insegnamenti di Gesù nei fatti”. La questione non è politica ma spirituale.

Giovanni, nella sua visione apocalittica, vide salire delle bestie a governo del Mondo, sembra di capire che essi siano degli uomini potenti, governanti, re, imperatori, etc..
L'esercizio e la potenza che avranno queste "bestie" deriva direttamente dal potere del Dragone, il serpente antico. Pertanto avranno la capacità di convincere, tra l'altro la capacità sembra intrinseca nel loro parlare arrogante (Apocalisse 13:5), convincere che loro siano i salvatori, convincere uomini e donne ormai preparate spiritualmente per questi eventi.

Il fatto che potranno vincere anche i santi (13:7) lascia intendere, a mio avviso, oltre le persecuzioni fisiche, del passato, del presente e future, anche che queste parole arroganti che eccitano odio e divisioni sono in grado di travolgere i credenti. L'obiettivo è ovvio far dimenticare il grande mandato e disinnescare la potenzialità del vangelo distraendo i messaggeri.
E' del tutto evidente, infatti, che dopo aver sproloquiato, condiviso, e individuato nemici politici da infangare, abbatter, odiare, etc, qualsiasi parola evangelica che si potrà dire non avrà alcun effetto di tipo spirituale.

Da qui il monito: state svegli!

Non credo sia un caso che in questi ultimi anni i grandi uomini che governano il pianeta siano sempre più sfacciatamente e arrogantemente egoisti. Ponendosi come coloro che, insieme a chi gli darà il consenso, potranno aggiustare le cose per i propri interessi “comunitari”.
Prima l'America, prima gli italiani, prima putin, etc...

Ne vediamo gli effetti, piuttosto che unirci per affrontare efficacemente le imminenti catastrofi che noi stessi abbiamo contribuito a produrre: immigrazione, desertificazioni, tumori, carestie, uragani, siamo impegnati, come nazioni, ancor di più a farci nemici uni degli altri.

Ad abbandonare trattati contro l'inquinamento e, recentemente, anche quello contro la prolificazione di armi nucleari a medio raggio.

I potenti e ricchi che un tempo venivano considerati il motivo del malessere dei più poveri oggi sono osannati e posti a governare, i più poveri sono diventati il nemico. Spesso queste tesi si propugnano brandendo vangeli e bibbie.

La democrazia ha fallito non in quanto tale, ma perché prima delle elezioni il popolo è stato “sapientemente” istruito su chi votare. E oggi vengono votati i più “cattivi”.
Lo spirito del nemico ha ben preparato le masse per accogliere le “bestie”.
Non che altri siano da meno, la questione qui non è politica, ma spirituale. Nulla ci vieta di simpatizzare per un politico di destra o di sinistra, attenzione però a sponsorizzare solo quello che riteniamo sia il bene da un punto di vista cristiano.
Posso benissimo appoggiare una politica di destra ma non in toto, per esempio per quanto riguarda il sociale. Oppure posso appoggiare un governo di sinistra senza condividere, per esempio, la questione delle famiglie arcobaleno.

Eppure siamo stati catturati da questa frenesia dualistica per cui, per esempio, se sono favorevole ad aiutare gli immigrati sono “pdiota”, senza mai aver votato PD.
E che dire della questione omosessuale?
Ci sono credenti che amano le persone omosessuali più di molti politici, eppure se si esprimono in materia vengono tacciate di omofobia, se non addirittura rischiare l’incriminazione.

Ora che questo si scriva e si viva tra quanti non cantano la domenica: “Gesù tu sei il mio Signore” si può capire, ma questo linguaggio sta catturando anche molti credenti, almeno sedicenti.
E se stessimo nell’errore?

Come detto la questione non è politica ma spirituale.

12 il nostro combattimento infatti non è contro sangue e carne, ma contro i principati, contro le potenze, contro i dominatori di questo mondo di tenebre, contro le forze spirituali della malvagità, che sono nei luoghi celesti. Efesini 6

Semplicemente tendiamo a dimenticarlo, a prescindere l’idea, più o meno condizionata, che stiamo appoggiando. Ma è proprio questa la questione: fino a che punto può spingerci il condizionamento esterno? E poi fatto da chi e per quali scopi?

 
E' l'apostasia degli ultimi tempi, non la professione di ateismo, ma il rinnegamento di Cristo nei fatti. La persuasione ed il condizionamento mentale con il controllo della stessa e le conseguenti azioni collegate avrà un tale livello che Giovanni descrive queste persone come marchiate e in grado di pensare e agire solo attraverso questo condizionamento (apocalisse 13 e 14).

Il numero, come risaputo, che contraddistingue questa marchiatura è il 666.
Tanti ipotesi si sono fatte, quelle che mi incuriosiscono di più sono:

  • il www (in ebraico significa 666),
  • oppure il codice a barre (le tre linee più lunghe e principali che compongono il codice di tutti i prodotti significano 666),
  • od anche l’Apple (come risaputo rappresenta il frutto proibito e il primo apple fu venduto a 666$),
  • etc…

Forse non è niente di tutto questo oppure tutto questo, ma una cosa sembra chiara: il controllo delle persone da una parte, il dileggio e la persecuzione per quelle che non si sottomettono.

Io non so se chi ci governa in questi giorni sono le bestie viste da Giovanni, però è scritto che sorgeranno, anzi sono già sorti, molti anticristi (1 Giovanni 2:18).

All’ora a chi sono rivolte queste 4 righe sconfusionate che ho scritto?
Non sono rivolte a chi non ha fatto una scelta per Cristo.
Se questo è il tuo caso, ci sono tanti sermoni e tante prediche, la Bibbia è pronta li per convincerti che sei in pericolo.

Queste parole sono scritte per la mia memoria, perché temo di non essere immune a questa grande forza ingannatrice che sta prendendo il possesso di menti e delle azioni.
Forse anche tu professi Cristo come Salvatore, eppure sei prigioniero, catturato da un vortice di odio.
Forse non ce ne accorgiamo nemmeno più.
Forse è già tardi e stiamo dormendo, sognando di predicare il vangelo ma vivendo altro.

Non è tardi per svegliarci, per tornare indietro, per ritornare alla croce (Apocalisse 2:5)
Il controllo, anche se non sembra, è ancora e per sempre del Dio Creatore!

La buona notizia che ci aiuta a stringere i denti è questa (Luca 21:)):

25 «E vi saranno dei segni nel sole, nella luna e nelle stelle, e sulla terra angoscia di popoli, nello smarrimento al fragore del mare e dei flutti;
26 gli uomini verranno meno dalla paura e dall'attesa delle cose che si abbatteranno sul mondo, perché le potenze dei cieli saranno scrollate.
27 Allora vedranno il Figlio dell'uomo venire su una nuvola con potenza e grande gloria. 28 Ora, quando queste cose cominceranno ad accadere, guardate in alto e alzate le vostre teste, perché la vostra redenzione è vicina».
29 Poi disse loro una parabola: «Osservate il fico e tutti gli alberi.
30 Quando essi cominciano a mettere i germogli, vedendoli, voi stessi riconoscete che l'estate è vicina;
31 così anche voi, quando vedrete accadere queste cose, sappiate che il regno di Dio è vicino.

Opera evangelica a favore dei non vedenti

luce fra le tenebre

Opera evangelica per sordi

sordi evangelici

La chiesa perseguitata

Pregare ed aiutare

salvati per servire

Il vangelo tra gli stranieri

meta