Circoncisione... perché e perché proprio lì?

Versione stampabileSend by emailVersione PDF
Premessa: "La risposta o meno alla domanda, non influisce minimamente sul nostro rapporto con la fede in Cristo!.. Serve discuterne solo a titolo "conoscitivo" del come e perché ha agito e agisce Dio... secondo la nostra miope visione delle cose narrate nella Bibbia."

 

 -----------------------------------------------------------------------------------------------

L'episodio dove viene istituita la circoncisione, è descritto in  Genesi - 17: 9 -14.

facebook icona twitter iconawhatapps icona

Commenti

Ritratto di alex

Genesi 17:9 Poi Dio disse ad Abraamo: «Quanto a te, tu osserverai il mio patto: tu e la tua discendenza dopo di te, di generazione in generazione. Genesi 17:10 Questo è il mio patto che voi osserverete, patto fra me e voi e la tua discendenza dopo di te: ogni maschio tra di voi sia circonciso.
Genesi 17:11 Sarete circoncisi; questo sarà un segno del patto fra me e voi. Genesi 17:12 All'età di otto giorni, ogni maschio sarà circonciso tra di voi, di generazione in generazione: tanto quello nato in casa, quanto quello comprato con denaro da qualunque straniero e che non sia della tua discendenza.
Genesi 17:13 Quello nato in casa tua e quello comprato con denaro dovrà essere circonciso; il mio patto nella vostra carne sarà un patto perenne. Genesi 17:14 L'incirconciso, il maschio che non sarà stato circonciso nella carne del suo prepuzio, sarà tolto via dalla sua gente: egli avrà violato il mio patto».

 ... che dire?... a più tardi la meditazione..
Ritratto di R_Francesco

Pace...

Nei versetti citati nel titolo, possiamo assistere alla perdita di valore del segno nella carne, a mezzo della circoncisione... viene illustrato un passaggio importante, infatti, chi si dice Giudeo e "ostenta" la circoncisione come segno di appartenenza al popolo eletto da Dio ma, non segue tutti i precetti della legge, in pratica, viene messo in contrapposizione a chi Giudeo non è e osserva tutta la legge... pur non essendo Giudeo!... Questi, ben può essere assimilato al popolo di Dio!... Questo, è il rimprovero verso quelle "cose che sono" che vengono svergognate da "cose che non sono"... L'apparteneza al popolo di Dio, ormai, non la si ottiene più mediante la circoncisione come veniva praticata sino alla venuta di Gesù(anch'esso circonciso)... ma, la si ottiene battezzandosi nel Suo nome. Non un segno visibile nella carne ma un segno Spirituale... invisibile all'occhio umano. Ma come per la circoncisione, il battezzo, implica qualcuno che materialmente lo opera e ne rende testimonianza... testimonianza necessaria per la circoncisione e/o per il battezzo. Se si dovesse operare una circoncisione materiale nel proprio cuore, non la si vedrebbe dal di fuori, allo stesso modo di quella Spirituale... La circoncisione come in Genesi 17:9 ecc..., era un segno visibile a "pochi intimi", visibile per chi la operava, per i genitori e per Dio!... In seguito, visibile alla propria moglie... moglie che poteva avere la certezza di aver sposato uno che appartiene al popolo di Dio. La certezza che la sua progenie, sarebbe stata cenerata da un uomo osservante la legge di Dio. Al di fuori di questi pochi momenti, il segno della circoncisione, rimaneva un "fatto" a due... il circonciso e l'Eterno!... Nella discussione "Un segno nella carne",  la necessità di identificarsi e quindi essere accettati dal "popolo" impone il rituale del tatuaggio e degli orecchini su tutto il corpo ma almeno uno, ben visibile(ostentato)...proprio questa ostentazione, Dio la ha bloccata sul nascere... infatti, non ha detto di circoncidere il bambino, su un orecchio o sulla mano ma, su una parte da coprire per tutta la vita!..  Mentre satana, quella "circoncisione", pretende che venga esposta ed ostentata... un segno ben visibile (un brillantino) su chi gli  appartiene!...  Ritornando al tema sulla circoncisione, altro fatto da notare, è quello che, non è stato richiesto alcun segno distintivo per la donna...  e che la pratica della circoncisione, venne quasi dismessa durante l'esodo... forse perchè nessuno di loro approdò nella terra promessa?.. In effetti, sino a giungere al tempo di Gesù, la circoncisione, è stata praticata... affinchè, chi fosse del popolo di Dio, potesse essere distinto da chi non lo fosse, cosa ininfluente  e inutile nel deserto... in ogni caso, Dio, non li avrebbe scampati dalla Sua ira...

 

Lo scritto in alto, vale come semplice congettura da non ritenersi dottrinale e pertanto, opinabile senza alcuna riserva.

 Ritornando al tempo d'oggi, al tempo della Grazia, asteniamoci dall'ostentare la nostra cristianità... essa, va vissuta con semplicità, è  l'amore fraterno in Cristo che ci deve accomunare e che deve trasparire!... Amen.

Francesco

Ritratto di alex

Dici bene e infatti è scritto:

Romani Capitolo 2

25 La circoncisione è utile se tu osservi la legge; ma se tu sei trasgressore della legge, la tua circoncisione diventa incirconcisione. 26 Se l'incirconciso osserva le prescrizioni della legge, la sua incirconcisione non sarà considerata come circoncisione? 27 Così colui che è per natura incirconciso, se adempie la legge, giudicherà te, che con la lettera e la circoncisione sei un trasgressore della legge. 28 Giudeo infatti non è colui che è tale all'esterno; e la circoncisione non è quella esterna, nella carne; 29 ma Giudeo è colui che lo è interiormente; e la circoncisione è quella del cuore, nello spirito, non nella lettera; di un tale Giudeo la lode proviene non dagli uomini, ma da Dio.

Ed ancora:
Marco 4
Ma quando tu fai l'elemosina, non sappia la tua sinistra quel che fa la destra, 4 affinché la tua elemosina sia fatta in segreto; e il Padre tuo, che vede nel segreto, te ne darà la ricompensa.

Nella circoncisione dell'Antico Testamento c'è chi individua anche, oltre a quanto detto, un vero e prorpio "precetto" sanitario.
Ad ogni modo essendo quelle esperienze ombra di ciò che sarebbe accaduto, e che dovrà accadere, ombra cioè delle "realtà celesti" è molto indicativo quello che poi aggiunge Paolo, proprio scrivendo agli ebrei.

E condivido anche il pensiero, tra l'altro scritturale, il quale afferma che l'opera deve essere fatta in silenzio. Cioè senza vanagloria, innalzando Dio, piuttosto che l'uomo. Questa è la battaglia più difficile per il credente. Uomo sempre combatutto nel suo orgoglio, battaglia che possiamo vincere solo confidando e abbandonandoci a Gesù.

Compiere un opera ed innalzarla per innalzare noi per ricevere la gloria degli uomini, cosa che tutti intimamente desiderano, l'approvazione, la stima, il rispetto, etc... ci fa correre il pericolo che quella sia il solo premio. Senza edificazione, se non un attimo fuggente di stima, umana, passeggera.

Dio ci guidi in questo percorso di umiltà.

Ritratto di R_Francesco

Pace...

L'osservazione che ci dice alex a proposito di un "precetto" di titpo sanitario,  potrebbe essere fondata ma, non ci sono i presupposti per verificarla... vero è invece che, nonostante la NON circoncisione, i popoli si sono moltiplicati ugualmente... tranne alcuni casi patologici, questa pratica, era solamente un segno di affiliazione ed obbedienza al Signore... C'è pure da dire che, questa pratica, nel momento che venne istituita, tutti gli uomini e non solo i bambini, hanno dovuto sottostare.  C'è un episodio che narra di questa pratica, eseguita su un bimbo, con un frammento di selce... poco igienico se rapportato ai nostri giorni - Esodo 4: 25 - 26 ... Lì, viene evidenziato il valore della circoncisione nella carne, il valore che ha per Dio... qualunque cosa ne possiamo pensare noi... Teniamo anche conto che l'Eterno del Vecchio Patto, è lo stesso del Nuovo Patto... solo che ora conosciamo il Suo Nome...

Pace

Francesco

Opera evangelica a favore dei non vedenti

Opere evangelica per sordi

La chiesa perseguitata

Pregare ed aiutare

Il vangelo tra gli stranieri