Carcerieri e carcerati - Dietrich Bonhoeffer

Versione stampabileSend by emailVersione PDF

Vi ringrazio molto delle vostre lettere; per me sono sempre troppo corte, ma naturalmente lo capisco benissimo. E’ come se la porta della prigione si aprisse per un momento e io tornassi a vivere insieme per un po' la vita di fuori.

Il bisogno di gioia è molto grande in questa casa tanto severa, dove non si sente mai ridere – anche il personale di guardia, con le esperienze che si fanno qui, sembra aver disimparato a farlo – e ogni fonte di gioia, interiore ed esteriore, la si sfrutta fino in fondo…

Dietrich Bonhoffer - Resistenza e resa - Lettere e scritti dal carcere 4 giugno 1943 - ai genitori

facebook icona twitter iconawhatapps icona

Islamecom

Opere evangelica per sordi

La chiesa perseguitata

Pregare ed aiutare

Il vangelo tra gli stranieri