19.12.2010 - Occultismo per 12,5 milioni di italiani

Versione stampabileSend by emailVersione PDF

Ogni anno oltre 12,5 milioni di italiani, 35 mila persone al giorno, vengono conquistati dal fascino dell'occultismo. Si rivolgono a sensitivi, veggenti, guaritori con la speranza di poter risolvere i loro problemi, chiedere consigli o conoscere il proprio futuro. Un giro d'affari ''enorme'', che il Telefono Antiplagio quantifica attorno ai 6 miliardi di euro (''spesso non fatturati''), gestiti da circa 120 mila operatori.

Dal rapporto annuale antiplagio ''Magia e occultismo 2011'', presentato oggi a Roma dallo sportello Telefono Antiplagio di European Consumers, emerge che sono soprattutto i lombardi ad affidarsi a queste pratiche, mentre i valdostani si rivelano i piu' scettici. A Milano e dintorni circolano circa 90 milioni di euro, che escono dalle tasche di circa 180 mila cittadini.

Agli antipodi la situazione della Val d'Aosta: 1 milione di euro i guadagni annui, distribuiti tra 30 operatori, a cui si rivolgono circa 2 mila residenti. ''Ma questi dati - osserva Giovanni Panunzio, fondatore di Telefono Antiplagio - si riferiscono solo a delle stime regionali sulla base dei circa 20 mila operatori che si fanno pubblicita'. I numeri, in realta', sono ancora piu' alti: esistono altri 100 mila che lavorano grazie al passaparola''. Numeri che ''preoccupano'', come i reati piu' frequenti che si registrano a opera dei ciarlatani: ''truffa e truffa aggravata, esercizio abusivo della professione medica, circonvenzione di incapace, estorsione e violazione della privacy'', si legge nel rapporto.

Per questo, per evitare brutte sorprese, il Telefono Antiplagio mette in guarda gli italiani, invitandoli ''a non parlare con i ciarlatani della propria vita privata; a non incontrarli da soli e a registrare le conversazioni; a far mettere per iscritto cio' che dicono di garantire; a non usare contanti e a non avere paura a denunciarli; a non dare ascolto ai loro interventi in tv e alle loro pubblicita' che sono solo investimenti commerciali per di piu' ingannevoli''.

A cadere nella rete degli operatori dell'occulto, secondo le segnalazioni raccolte in 17 anni da Telefono Antiplagio, circa mille l'anno, sono soprattutto le donne adulte (51%), ma anche uomini (38%) e adolescenti (11%). La maggior parte dei clienti ha la licenza elementare o media (64%) e l'eta' media e' di 42 anni. Le motivazioni che spingono ad alzare la cornetta o a far visita a questi operatori sono sentimentali (52%), economiche (24%), di salute (13%), giudiziarie (6%), di richiesta di protezione (5%). ''E' la 'crisi' il motivo principale per cui una persona decide di rivolgersi alla magia - spiega il medico psichiatra Paolo Cianconi - c'e' un bisogno fisico, psicologico e sociale, legato anche all'attrazione verso poteri alternativi all'umano, di trovare appoggio nel mistero per risolvere i propri problemi.

Ma il mago non e' la soluzione: alle patologie psichiatriche piu' gravi puo' offrire solo un effetto placebo, per i problemi minori offre solo un momentaneo sollievo che puo' essere scambiato per guarigione''. Per limitare i danni, Panunzio chiede quindi ''agli editori che vendono spazi pubblicitari agli operatori dell'occulto (Mediavideo, Facebook, Pagine Gialle, Pagine Utili, Rcs e E-bay in primis) di non pubblicizzarli piu'. Capiamo che e' un businness ma se rinunciano a questo introito e' un gesto nobile''.

di Alice Rita Fumis

Fonte: ANSA

 

Sull'argomento vedi anche questi articoli

facebook icona twitter iconawhatapps icona

Potrebbe interessarti..

  • Problemi d'amore? Problemi di salute? Problemi finanziari? Il Mago dei maghi, risolve ogni problema!

    Annunci simili a questo diventano sempre più frequenti nella stampa e nella televisione. Il discorso della magia, che una volta era associato all'ignoranza e alla superstizione, oggi sembra aver rivestito un aspetto culturale e scientifico che gli permette di infiltrarsi in ogni ambiente della società.

  • Notizie dalla missione OMEFI (Opera Missionaria Evangelica dei Fratelli Italiana) - Da un pò conosciamo Tania e questi giorni, parlando con lei, ha cominicato a raccontare la sua storia. Ora ha 36 anni e fino all'età di 25 anni è stata rapita e costretta alla prostituzione in Russia e poi anche in Turchia. Le lacrime che aveva, sicuramente non potevano esprimere il dolore e la sofferenza subita in tutto questo tempo di schiavitù.

  • Curiosando nel web ho scovato la notizia che riporto integralmente qui sotto. Personalmente mi ha fatto sorridere, per l'occasione, però, vorrei coniare un detto, se già non esiste: non tutto quello che è targato "evangelico" è cosa giusta un detto che potrebbe essere completato in questo modo: e non tutto quello che è insegnato in una denominazione diversa è cosa sbagliata .....
  • "Accogliamo noi i migranti. È un dovere civile di ogni democrazia". E' l'appello lanciato dalle chiese evangeliche che si dicono pronte ad accogliere i migranti all'interno della Sea Watch 3. Le chiese protestanti tendono la mano ai migranti. "Mettiamo a disposizione le nostre strutture di accoglienza in Italia e le relazioni con le chiese sorelle d'Europa per approntare un piano di ricollocazione in Europa di una quota dei migranti soccorsi dalla Sea Watch". Lo dice il pastore Luca M.

  • La CRIVOP Giovedì 23 febbraio 2012, per la prima volta, nella Casa Circondariale di Agrigento di Contrada Petrusa, porterà il proprio contributo ai detenuti con il progetto "CINEFORUM ONESIMO", come nei penitenziari di Mistretta (Me), Messina, I.P.M. Acireale e Caltanissetta, il primo film proiettato nel penitenziario sarà, "Affrontando i Giganti", la commovente storia dello scoraggiato allenatore della squadra di calcio di un liceo cristiano che torna a rivolgersi a Dio quando tutto sembra rivoltarglisi contro.

Opera evangelica a favore dei non vedenti

Opere evangelica per sordi

La chiesa perseguitata

Pregare ed aiutare

Il vangelo tra gli stranieri